Paolo Rumiz: “Desidero la quarantena” | intervista

ha visto il lockdown degli ultimi mesi come paradossalmente liberatorio e racconta la sua città natale, Trieste, come un sismografo di shock globali.

Oggi ha rilasciato un’ al giornalista austriaco Stefan Winkler dove spiega la sua particolare esperienza con il :

Signor Rumiz, l’Italia riprende vita dopo due mesi di inattività. Come vive questo momento?

PAOLO RUMIZ: Speravo fosse un momento felice. Ma non è così. Un gran numero di miei compatrioti non ha capito la lezione che dovremmo imparare dalla pandemia. Tutti non vedono l’ora di tornare alle loro vite precedenti. D’altra parte, sognavo l’inizio di un’altra vita.

Pensava davvero che il mondo sarebbe cambiato?

No, ma ho pensato che nei due mesi il mondo avrebbe trovato il tempo di pensare a un futuro più semplice, più verde e più democratico. Quando la sventura le supera, le persone cambiano spesso. Stanno meglio, anche per paura. Ma a quanto pare la tragedia non era abbastanza grande. Fondamentalmente, siamo come il virus che uccide il suo ospite e quindi muore da solo. Sebbene sappiamo da decenni che non dobbiamo andare avanti così perché anche la fine della Madre Terra sarebbe la nostra fine, stiamo continuando il nostro lavoro di distruzione anche ora dopo la peste. Quando me ne sono reso conto, sono fuggito a Venezia sull’isola di San Giorgio in un monastero. Lavoravo in giardino, cucinavo per i monaci, andavo a fare una passeggiata, leggevo, pregavo e desideravo la . Avevo bisogno di un’estensione. È assurdo, ma il mondo intero mi è sembrato assurdo.

Come ha passato gli ultimi due mesi?

A casa. Ogni volta che dovevo uscire, mi sentivo come in una commedia. Solo persone mascherate ovunque – un insulto alla cittadinanza. Ciò che si voleva ottenere con i divieti avrebbe potuto essere realizzato anche con un grande appello alla popolazione. Ma sfortunatamente c’è una grande sfiducia nei confronti dello stato in Italia e lo stato diffida dei suoi cittadini. Ad un certo punto sono riluttante ad uscire. Pazzesco come sembra: mi sono sentito molto più libero a casa.

Sei un nomade. Non hai avuto la claustrofobia?

Non sono mai rimasto a casa per un mese in vita mia, ero sempre in movimento. Ma non puoi immaginare quanto ho viaggiato in queste settimane. Ero in più posti nella mia mente e ho scoperto più cose che in qualsiasi viaggio che abbia mai intrapreso.

Cosa hai scoperto?

La profondità. Il confinamento orizzontale dello spazio ti costringe a esplorare la verticale. Affondi in te stesso e allo stesso tempo ti arrampichi mentalmente. L’esame è anche uno specchio che viene sostenuto senza pietà. Vivere insieme in uno spazio limitato può essere molto difficile. Viviamo in un mondo che ci convince che una cosa è sufficiente per ottenerlo. Accettare le proprie debolezze e limitazioni è stata la lezione più importante per me. Ma ho anche scoperto continenti completamente nuovi fuori di me.

Quale?
Il più bello era il tetto della mia casa a Trieste. Puoi vedere il mare da tre lati. Alle cinque del mattino guardavo l’alba, seguivo il volo degli uccelli migratori, leggevo, dormivo, filosofavo, guardavo le stelle e passavo ore a guardare le Dolomiti, che improvvisamente erano vicine a causa dell’aria pulita. Potresti persino vedere le Tre Cime. E poi questo cielo di aprile! Era blu come lo era stato fin dall’infanzia. Ci fu un silenzio meraviglioso, si sentiva il vento, il canto degli uccelli e il ruggito del mare, le voci dei bambini e il tintinnio dei piatti negli appartamenti.

Che tipo di paese trovi ora che è tutto finito?
È un’Italia stanca e più povera, in cui l’onere della crisi viene nuovamente gravato sui ragazzi. Questo era già successo con la crisi finanziaria. Ora c’è un altro motivo ,colpa il virus, per creare ulteriori difficoltà di occupazione nelle giovani generazioni. Ma sono esattamente i ragazzi coraggiosi che l’Italia deve trovare per uscire dalla crisi.

L’Italia diventerà la nuova Grecia?

L’Italia è un paese complicato. A differenza della Grecia, il paese ha una grande ricchezza privata. Per ridurre il debito pubblico, sarebbe sufficiente che ogni cittadino rinunciasse a un quarto dei suoi risparmi. Il mondo finanziario lo sa. E poi l’Italia ha energie straordinarie. Gli italiani stanno insieme in tempi di crisi. Ma il vero dramma è un’indegna burocrazia. E non abbiamo mai avuto una classe politica a un livello così basso. La maggior parte dei nostri politici è controllata dai Signori del potere finanziario, i padroni delle energie fossili e non rinnovabili, e sono sfiniti nella gestione delle paure.

A cosa stai pensando?

Soprattutto al virus, che è stato a lungo un fattore di polemica, confusione e allarmismo mediatico in Italia. Le persone hanno paura. Molti sono pronti a rinunciare ai diritti democratici nella crisi. L’epidemia rende reale l’utopia di un mondo in cui tutto è controllato e rintracciato. L’allarmismo è lo strumento dei tecnocrati che stanno spingendo per questa realtà. Per la prima volta, il mondo si è fermato nel panico. Per paura della morte, le persone hanno accettato di morire ogni giorno rinunciando alla vita.

Trieste è un luogo particolarmente adatto per percepire i tremori che il virus ha causato anche in Europa?

A Trieste hai la sensazione di stare seduto su un grande sismografo che registra ogni piccolo movimento geopolitico. Le trincee sulle colline dell’Isonzo, la catastrofe della seconda guerra mondiale, la guerra fredda e ora Coronavirus. Sembra che il continente si stia distruggendo nello stesso modo del 1915, come se il vecchio confine si stesse formando di nuovo. Quando scoppiò l’epidemia, Gorizia fu nuovamente divisa in due parti come nel 1945. La milizia slovena occupò le stesse posizioni del 1991, all’inizio del dramma jugoslavo. Questo ha creato confusione. In effetti, i sovranisti italiani hanno recentemente voluto costruire un muro contro i rifugiati, un’imitazione a basso costo della cortina di ferro che non sai chi blocca chi. Ma il virus ha messo in luce le loro bugie. Alla fine furono gli agricoltori sloveni a creare barricate con le pietre per paura della pestilenza. E improvvisamente non sono i migranti di cui il mondo intero ha paura. Gli estranei, gli africani, gli esclusi, i reietti siamo noi ora: gli italiani.


Paolo Rumiz è nato a Trieste nel 1947 . Iniziò come giornalista de “Il Piccolo” , passò a “La Repubblica “, scrisse sulla fine della Jugoslavia, navigò sul Po con una barca, attraversò le Alpi sulle orme di Annibale e camminò per la via Appia. Più di recente, “The Infinite Thread” , un viaggio alle radici benedettine d’Europa , è stato pubblicato da Folio Verlag.

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...