Pallanuoto, serie A1 maschile: Trieste agguanta il Bogliasco (6-6) a 15” dalla fine

pallanuoto_trieste_bogliasco_2

Grazie ad un gol di Marko Elez arrivato a 15’’ dalla fine, la Trieste impatta con il (6-6) nell’anticipo televisivo della prima giornata di ritorno del campionato di serie A1 maschile. Un punto prezioso quello conquistato dagli alabardati alla “Bruno Bianchi”, che interrompe una sorta di “tabù” da Rai Sport, tre sconfitte nelle precedenti tre partite davanti alla telecamere, e permette alla squadra del presidente Enrico Samer di muovere la classifica nonostante una prestazione costellata da parecchi errori. Merito soprattutto di un Bogliasco davvero coriaceo, quadrato, organizzato e difficilmente superabile in fase difensiva. “Siamo partiti male – spiega a fine gara l’allenatore della Pallanuoto Trieste Stefano Piccardo – abbiamo commesso un paio di errori davvero imperdonabili, concedendo qualche gol fin troppo facile ai liguri. Poi abbiamo reagito con orgoglio, ma con poca lucidità, soprattutto in superiorità numerica. Probabilmente ancora non abbiamo la maturità necessaria per adattarci a situazioni così difficili. La squadra comunque ha giocato, ci teniamo stretti questo punto”.
Il pubblico della “Bruno Bianchi” risponde ancora una volta “presente” e riempie la tribuna dell’impianto di Sant’Andrea praticamente in ogni ordine di posto. La Pallanuoto Trieste parte con il piede giusto e sblocca la situazione con un gol dai 5 metri dello scatenato Boris Popovic, autore di una prestazione monumentale. Il Bogliasco però non si scompone e con un secco parziale di 0-3 firmato da Ravina, Di Somma (due gol in superiorità) e Gambacorta (“alzo e tiro” a 2’’ dalla fine del tempo) chiude sul +2 la prima frazione di gioco.
Trieste fatica tantissimo a trovare il bandolo della matassa, gli schemi in superiorità numerica non funzionano e la difesa traballa. Popovic è immarcabile sui 2 metri e sigla un gran gol in apertura di secondo periodo (2-3), poi due reti praticamente in fotocopia del mancino statunitense De Trane spingono il Bogliasco al massimo vantaggio: 2-5 a 2’07’’ dal cambio di campo. Ci pensa Elez con una conclusione velenosa a tenere in vita la Pallanuoto Trieste. A metà gara il punteggio è fissato sul 3-5 per gli ospiti.
Il terzo periodo si apre la rete del 3-6 realizzata da Di Somma, pescato tutto solo davanti a Jurisic. Gli alabardati in attacco si affidano a Boris Popovic e il centroboa croato trova la rete del nuovo -2 con una prepotente girata dai 2 metri: 4-6 a 5’ dalla fine del tempo. Il ritmo cala, il Bogliasco pensa soprattutto ad amministrare il prezioso vantaggio e la Pallanuoto Trieste colleziona errori su errori con l’uomo in più. Non si segna per oltre 11’, poi negli ultimi 120’’ del quarto periodo i padroni di casa piazzano la zampata. Elez finalizza in superiorità numerica, la prima al decimo tentativo per gli alabardati, poi ancora il numero 9 in calottina bianca si mette in proprio e a 15’’ dalla sirena finale insacca il pallone del definitivo 6-6.

PALLANUOTO TRIESTE – RN BOGLIASCO 6-6 (1-3; 2-2; 1-1; 2-0)
PALLANUOTO TRIESTE: Jurisic, Podgornik, Petronio, Ferreccio, Giorgi, Giacomini, Popovic 3, Rocchi, Elez 3, Berlanga Henriques, Guimaraes, Turkovic, Vannella. All. Piccardo
RN BOGLIASCO: Prian, De Trane 2, Di Somma 2, Puccio, Guidaldi, Ravina 1, Gambacorta 1, Alonso, Giordano, Fracas, Monari, Guidi, Pellegrini. All. Bettini
Arbitri: Bianchi di Roma e Centineo di Palermo
NOTE: usciti per limite di falli Alonso (B) nel terzo periodo, Di Somma (B) nel quarto periodo; superiorità numeriche Pallanuoto Trieste 1/10, Rn Bogliasco 2/5; spettatori 1000 circa

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...