Oltre 1000 agenti dispiegati lungo il confine tra Slovenia e Croazia

Circa un migliaio di unità di in più al con la , che effettuerà un controllo più rigoroso degli attraversamenti illegali. Controlli più severi sono stati ordinati dal direttore generale della polizia Anton Travner e dureranno fino a venerdì.
Oltre alle pattuglie regolari al confine, la polizia ha inoltre ridistribuito un’unità di polizia speciale da tutte le amministrazioni di polizia, agenti di polizia di cavalleria, addetti ai cani di servizio, un’unità di controllo di frontiera statale specializzata e un’unità di polizia speciale. Inoltre, è stato convocato un numero maggiore di agenti di polizia ausiliari.

Ai fini del diverso trattamento dei rifugiati, la polizia ha anche istituito un gruppo di agenti di polizia appositamente formati, i cosiddetti debrifers. Stanno cercando di ottenere quante più informazioni possibili sulle rotte che usano e sugli organizzatori di attraversamenti illegali, che servono quindi la polizia per l’elaborazione analitica e ulteriori indagini penali, ha detto il vicedirettore generale della polizia Jože Senica in un comunicato stampa.
Secondo Senica, la polizia utilizzerà anche tutti i mezzi tecnici disponibili, come i centri di videosorveglianza, le termocamere, le telecamere di rilevamento del movimento, i droni. Come prima, l’esercito li aiuterà con il controllo.

Secondo il vicedirettore generale ad interim, un numero maggiore di rifugiati è apparso sulla rotta dei Balcani, soprattutto negli ultimi 14 giorni, a causa dell’allentamento delle misure restrittive. All’inizio dell’anno, la Grecia ha trasferito migliaia di persone dalle isole alla terraferma, mentre la Serbia e la Bosnia ed Erzegovina hanno abolito i movimenti limitati nei loro centri di accoglienza per rifugiati. “Ciò ha esercitato un’ulteriore pressione sui e li ha incoraggiati a recarsi in ”, ha affermato. Secondo la polizia, ci sono più di 10.000 rifugiati che vogliono viaggiare dalla Serbia e dalla Bosnia ed Erzegovina.

Più di 200 persone vengono catturate al confine meridionale ogni settimana
Secondo Senica, la pressione sui confini croato e sloveno è cresciuta negli ultimi giorni. Nelle ultime due settimane, più di 400 persone sono state catturate in Slovenia, ha detto. Secondo Senica, sempre più rifugiati vogliono venire in Italia, il che è dimostrato dall’aumento del numero di rifugiati che l’Italia restituisce alla Slovenia.

Secondo Senica, i migranti sono sempre più attenti quando attraversano il confine. “Scelgono aree di difficile accesso, evitano le aree popolate, viaggiano prevalentemente di notte ed evitano la polizia”, ha spiegato.

Come rappresentante della polizia, Senica ha anche espresso il desiderio di attivare l’articolo 37 bis della legge sulla difesa, in modo che l’esercito possa anche aiutare a controllare il confine.

A partire da gennaio 3139 attraversamenti di frontiera illegali
L’amministrazione generale di polizia ha inoltre fornito dati ufficiali sul numero di attraversamenti illegali delle frontiere nei primi cinque mesi di quest’anno. Sono stati 3.139, rispetto ai 4.426 dello stesso periodo dell’anno scorso: la polizia attribuisce il declino principalmente a misure di frontiera più severe durante l’epidemia, mentre si aspettava che il numero di rifugiati aumentasse gradualmente con il rilascio delle misure. E con questo, vogliono comunicare con un controllo più rigoroso che la polizia slovena sta effettivamente proteggendo il confine.

Ecco la tabella fornita dal governo sloveno

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...