Offri un Caffè Buonissimo 2021/22: i risultati della campagna

Con “Offri un Caffè Buonissimo”, la generosità di tutta la comunità ha contribuito a raccogliere 12.572 euro per continuare ad aiutare i bambini chirurgici e le loro famiglie.
Il raccolto verrà destinato all’accoglienza gratuita delle famiglie.

La campagna, lanciata a novembre 2021, promossa da A.B.C. e supportata da Confcommercio Trieste e Fipe Trieste, ha visto la partecipazione di 124 esercizi pubblici e commerciali.


Si è conclusa la campagna di solidarietà “Offri un Caffè Buonissimo”, l’iniziativa che A.B.C. Associazione per i Bambini Chirurgici del Burlo promuove in collaborazione con Confcommercio Trieste e Fipe Trieste: grazie alla grande generosità dei clienti sono stati raccolti, da parte dei 124 esercizi pubblici e commerciali aderenti alla campagna, 12.572 euro: i proventi saranno destinati all’accoglienza delle famiglie che saranno ospitate in una Casa A.B.C. in un anno.

Negli ultimi anni, A.B.C. sta registrando una continua crescita delle richieste di sostegno da parte delle famiglie dei bambini chirurgici. Nel 2021 le accoglienze (210) sono più che raddoppiate rispetto al 2020 (93). Anche quest’anno il numero delle accoglienze nelle 5 Case A.B.C. confermerà il dato del 2021. Il bisogno crescente è alimentato anche dalla situazione critica che molte famiglie stanno vivendo a causa delle delicate contingenze economiche e sociali che si riflettono sulla quotidianità di tutti. Ancora più importante, dunque, è poter contare su iniziative solidali, che creino valore e coinvolgano un’intera comunità verso un obiettivo comune.

Fondamentale è stato il consolidato rapporto di collaborazione con Confcommercio Trieste e Fipe Trieste, che hanno mobilitato i propri aderenti in questa straordinaria iniziativa di solidarietà. Al fianco dell’iniziativa e fin dalla prima edizione, anche la collaborazione di Associazione Caffè Trieste e Solidarietà Trieste e la media partnership di Radio Punto Zero e Radio Attività.

“La solidarietà degli esercenti che hanno collaborato alla campagna e la generosità dei cittadini che hanno donato sono state preziose: grazie al raccolto di “Offri un Caffè Buonissimo”, A.B.C. potrà garantire l’ospitalità delle famiglie che verranno accolte in una Casa A.B.C. in un anno, arrivando a sostenere circa 40 accoglienze. Si tratta di un progetto fondamentale che si configura nell’azione generale di A.B.C. che ha come obiettivo l’accoglienza, il supporto e il sostegno emotivo e psicologico dei piccoli pazienti e delle loro famiglie durante tutto il percorso di cura, nonché il sostegno al reparto di Chirurgia dell’Ospedale Burlo. L’aiuto della comunità è quindi essenziale per continuare a garantire questo progetto e tutte le altre attività dell’Associazione”. Commenta così Giusy Battain, Direttrice di A.B.C. Associazione per i Bambini Chirurgici del Burlo. – Ringrazio i nostri partner, Confcommercio Trieste e Fipe Trieste, gli esercenti, i commercianti e tutti i cittadini per il percorso che abbiamo fatto insieme e per aver dimostrato che insieme si possono raggiungere grandi risultati. Una grande iniziativa di comunità grazie alla quale l’Associazione potrà continuare a rispondere ai bisogni sempre crescenti che affrontano i bambini chirurgici e le loro famiglie”.

Da parte sua, Antonio Paoletti, presidente di Confcommercio Trieste, ha sottolineato come “pure in tale circostanza, le imprese del terziario abbiano saputo e voluto rispondere, grazie anche al concorso dei cittadini, con la consuete generosità e partecipazione a questa proposta di solidarietà, ribadendo in tal modo il loro capillare legame con il territorio e la loro disponibilità a contribuire a una causa di grande rilevanza”. L’adesione a “Offri un Caffè Buonissimo” – ha ricordato poi ancora Paoletti – rientra peraltro in quel contesto di costante attenzione che Confcommercio riserva alle realtà del territorio che si spendono quotidianamente a beneficio dei soggetti più fragili e che concretizza nell’arco dell’anno attraverso la promozione e l’organizzazione di varie altre iniziative”.

«Quello con ABC è un progetto consolidato – constata la presidente di Fipe Trieste Federica Suban – che consente al nostro comparto, raccogliendo piccoli gesti, di dare un aiuto concreto ad una realtà oramai indispensabile per tante famiglie e tanti bambini in un momento della vita complicato e doloroso. Trieste è una città di grande sensibilità e generosità, e questo si evince anche dal fatto che malgrado le difficoltà economiche lasciate sul campo dalla pandemia, il tesoretto che riusciamo anche quest’anno a consegnare alla onlus resta consistente».

Un piccolo grande gesto, del valore equivalente a un caffè, ha confermato anche quest’anno la generosità dei cittadini e ha dimostrato l’importanza dell’unione tra Enti e associazioni del territorio che si muovono insieme per uno scopo condiviso: in questo caso il supporto ai piccoli pazienti della Chirurgia del Burlo e alle loro famiglie.

offri un caffè buonissimo

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...