Le carte da gioco Modiano celebrano i 150 anni

Una di manifesti pubblicitari di artisti famosi e altro materiale è dedicata all’ della sua fondazione a Trieste

Chi non è stato al mare nelle calde giornate estive o a casa negli interminabili pomeriggi in compagnia di amici, almeno una volta si è divertito a giocare con le carte . La società triestina di fama internazionale, fondata da Saul David e oggi gestita da Guido e Stefano Crechici, festeggia i suoi 150 anni. Risultati di ricerca
Risultati web

Istituto Regionale per la Cultura Istriano-fiumano-dalmata in via Torino a Trieste dedica una mostra di manifesti pubblicitari di Trieste e artisti dell’Europa centrale, che aprirà oggi (venerdì 31/07/2020) alle 18:00. Sarà visibile dal lunedì alla domenica dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 18.30.

Saranno esposti poster di pittori e artisti – come Vito Timmel, Argio Orell, Glauco Cambon, Alfredo Tominz, Ugo Carà e Giuseppe e Pollione Sigon – e altri materiali. Il curatore Piero Delbello sottolinea che c’è così tanto materiale che la mostra cambierà più volte la sua immagine. Vogliono visitatori con la più ampia selezione possibile di mostre. Dall’apertura in poi, i visitatori avranno anche accesso a due pubblicazioni Modiano sulla storia e il contenuto di diverse attività. Il tema sarà affiancato a metà settembre da un terzo libro dell’Istituto, dedicato alle cartoline dei primi del XX secolo. Una società di di fama internazionale al fine di avvicinare i clienti alle pulsazioni di un ambiente più ampio – da Trieste, Gorizia, Istria, Dalmazia e Fiume fino a Lubiana, Zagabria, Sarajevo, Graz e persino in Ungheria. La maggior parte di questi risale al periodo tra il 1895 e il 1910. L’Istituto ha recentemente acquisito la collezione di Stener di oltre 18.000 cartoline. Si dice che il principale iniziatore della serie sia il pittore, illustratore e fotografo Giuseppe Sigon, che ha catturato diverse viste dell’Istria e di Trieste nella sua lente.

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...

Lascia un commento