L’Austria invia operatori sanitari e droni al confine e invita a fuggire dalla Croazia

Austria cpntrolli covid-19

In sono state confermate più di 300 nuove infezioni da coronavirus nelle ultime 24 ore. Un grande aumento è stato rilevato già venerdì, quando sono state elencate 282 nuove infezioni. Il ministro dell’Interno Karl Nehammer ha chiesto un aumento del numero di personale medico alle frontiere

Secondo il ministero dell’Interno austriaco, nelle ultime 24 ore sono stati confermati 303 nuovi contagi con il nuovo coronavirus, di cui 131 a Vienna e 33 in Carinzia, in Austria.

Finora in Austria sono stati confermati 23.179 casi positivi di infezione da SARS-CoV-2, con 728 morti a causa dell’infezione.

Il Covid -19 attualmente tratta 104 persone negli ospedali austriaci, 21 delle quali sono in terapia intensiva.

Il ministro della Salute Rudolf Anschober ha detto venerdì che molte nuove infezioni sono il risultato di più focolai legati ai viaggi. Molti nuovi contagiati sono tornati dalla .

L’Austria ha quindi invitato i suoi cittadini venerdì a tornare dalla Croazia con urgenza. Da lunedì tutti quelli di ritorno dalla Croazia che vorranno entrare in Austria dovranno presentare un test negativo per il nuovo coronavirus, che non supererà le 72 ore. Chi non ce l’ha dovrà fare il test entro 48 ore dal rientro e rimanere in quarantena fino ai risultati, ha spiegato il ministro Anschober .

Con questo, l’Austria ha equiparato il trattamento dei passeggeri dalla Croazia a quelli di altri paesi dei Balcani occidentali: Bosnia ed Erzegovina, Kosovo, Montenegro, Macedonia settentrionale e Serbia.

Veicoli aerei senza equipaggio al confine con la Slovenia

Il ministro dell’Interno austriaco Karl Nehammer, tuttavia, ha chiesto un aumento del numero di personale medico alle frontiere per controllare più efficacemente gli attraversamenti. “La polizia attualmente controlla molto di più dei ”, ha detto oggi.

Dall’inizio di agosto, secondo l’agenzia di stampa austriaca APA , Nehammer ha dichiarato oggi in un comunicato stampa più di 800.000 di polizia ai confini e alle aree di confine austriache, di cui circa 650.000 insieme ai servizi sanitari.

“Sono stati necessari circa 150.000 controlli senza il coinvolgimento dei servizi sanitari”, ha sottolineato. Secondo lui, le autorità sanitarie dovrebbero “aumentare immediatamente la presenza del proprio personale per garantire controlli efficaci e congiunti”.

La polizia al confine ferma i veicoli e controlla i documenti di viaggio e le misure dovute al coronavirus, come la quarantena, sono ordinate dal personale medico.

Il ministro ha anche annunciato l’uso di per il controllo del confine. Alla fine di agosto dovrebbero essere utilizzati in via sperimentale al confine con l’Ungheria e la Slovenia.

corsi sicurezza lavoro Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...