Kurz su migranti: “italiani e greci si lagnano per i maggiori arrivi, ma non è vero”

Kurz

Il cancelliere austriaco Sebastian non le manda a dire, e come sempre si esprime in modo diretto ed estremamente caustico. Sul fenomeno migratorio snocciola alcuni dati e minimizza le proteste di italiani e greci

Kurz si aspetta misure concrete nella sui rifugiati e sulla migrazione dalla Commissione europea. Vuole una soluzione dal presidente Ursula von der Leyen basata sul concetto di “solidarietà flessibile”, ha spiegato ai media.

“Tutti dovrebbero contribuire dove possono”, ha detto il cancelliere austriaco in un’intervista alle edizioni di sabato scorso di Neuen Zürcher Zeitung e Handelsblatt “Non esiste più una politica di frontiera aperta”, ha insistito, aggiungendo che non era possibile “costringere il Paese ad accettare rifugiati” e che l’Ue non dovrebbe lasciarsi “ricattare” dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

“Ero contrario alla politica delle perché ho lavorato per molti anni nel campo dell’ e ho visto che il successo dell’ dipendeva dal numero di persone coinvolte”, ha detto il cancelliere, che in qualità di ministro degli esteri ha preso una posizione ferma sulla questione dei rifugiati nell’autunno 2015. “Nel 2015 era una questione che appassionava solo la destra o meglio l’estrema destra, e nel frattempo, grazie a Dio, ha già la maggioranza tra i capi di stato e di nell’Unione europea”, ha aggiunto.

Problemi di integrazione
Kurz è stato sottosegretario di Stato per l’integrazione dall’aprile 2011 al dicembre 2013, quando ha assunto la carica di ministro austriaco degli affari esteri. Ha ricordato che più di 100.000 persone hanno ottenuto asilo in negli ultimi anni. “Questo è un numero incredibile. Il 46 per cento è riuscito a entrare nel mercato del e molti sono ancora senza ”, ha detto.
“Decine di migliaia di persone non hanno né un’istruzione completa né un lavoro. Decine di migliaia di persone devono essere mantenute dallo stato sociale. Non dovremmo essere contenti, ma non mi aspettavo nient’altro. È ingenuo accettare la folla di disperati e poi meravigliarsi dei problemi”.

I problemi con la lingua
“Più della metà degli scolari viennesi non ha il tedesco come lingua madre. Ciò pone grandi sfide per il sistema educativo. Molti rifugiati provengono da aree con differenti visioni e tradizioni religiose. È anche una sfida nell’impartire valori.

e “lagnose”
Non è d’accordo sul fatto che i paesi mediterranei di Italia e Grecia sopportino un peso maggiore della crisi dei rifugiati rispetto all’Austria. “Se i rifugiati si limitano a viaggiare attraverso il paese, rappresentano un peso minore. Il loro numero è già diminuito drasticamente”, ha stimato.

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...