I premiati di “Questa volta metti in scena… la Meraviglia di Alice”

La foto dell’opera è di Paolo Ferluga per la mostra TERRA E UOMO

QUESTA VOLTA METTI IN SCENA… LA MERAVIGLIA DI ALICE – 15^ edizione
Scoperte Leonardesche tra Cielo e Terra

giovedì 13 febbraio DOPPIA INAUGURAZIONE a CAPODISTRIA

ore 18,00 Palazzo Pretorio
opere premiate al concorso artistico

a seguire ore 19,00 Galleria Medusa
TERRA E UOMO
opere pittoriche di Paolo Ferluga
ed immagini fotografiche dell’OGS sezione di Geofisica

organizzazione Associazione culturale Opera Viva
ideazione e direzione artistica Lorena Matic

Giovedì 13 febbraio alle ore 18,00 al Palazzo Pretorio di Capodistria si inaugura la mostra dei vincitrici al concorso artistico del progetto Questa volta metti in scena… la Meraviglia di Alice. Fotografia, pittura, collage, illustrazione, sono solo alcune delle 9 categorie in cui gli studenti delle scuole superiori della regione Friuli Venezia Giulia, dei Ginnasi del litorale sloveno e il Liceo artistico Freundeberg di Zurigo si sono cimentati, dando ampio spazio alla creatività per interpretare il tema della “meraviglia”.

Nella stessa giornata, a seguire, alle ore 19,00 alla Galleria Medusa, poco distante, si inaugura TERRA E UOMO in collaborazione con le Obalne Galerije Pirano.
Una mostra con i dipinti dell’artista Paolo Ferluga e le immagini scientifiche dell’OGS sezione di Geofisica diretta dal dott. Angelo Camerlenghi, mettendo in relazione arte e scienza.
Prendendo spunto dalla città ideale vinciana, il nuovo ciclo di lavori dell’artista Paolo Ferluga, realizzato appositamente per la mostra, nell’ambito del progetto Questa volta metti in scena.. la Meraviglia di Alice, mette sullo stesso piano le città di Trieste e di Capodistria. Ciò che connota le opere è una sorta di metafora dell’ipertesto, quella pratica che appartiene alla società attuale, dell’uso frentico di internet e dei rimandi – cercado un qualsiasi argomento si viene catapultati a chissà quali altre discussioni – paragonabile ad un viaggio che non ha fine. Opere che possono essere lette appunto, come un viaggio o una rete, che inducono lo spettatore a soffermarsi e percorrere il proprio labirinto tra personaggi e simboli.
La Grande Muraglia, la Barcolana, le palme di Capodistria, connessi dalla parola, sono testimonianze allegoriche che aprono lo sguardo all’osservazione culturale socio politica e antropologica dell’habitat umano.

L’intero progetto è ideato e diretto dall’artista Lorena Matic, promosso dall’Associazione culturale Opera Viva e si realizza grazie al sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia Assessorato alla Cultura, in collaborazione con i Comune di Trieste, Comune di Monfalcone, Comune di Udine, Comune città di Capodistria, CAN Pirano, Obalne Galerije Piran- Ministero della Cultura Sloveno, Fondazioni CRTrieste, INAF, OGS, Teatro Miela, TV Koper – Capodistria.
Mostre visitabili fino al 2 marzo al Palazzo Pretorio e fino al 6 marzo alla Galleria Medusa.

Prossimi appuntamenti giovedì 27 febbraio ore 16,00 Palazzo Pretorio e venerdì 28 febbraio ore 11,30 a Casa Cavazzini – Museo di Arte moderna e contemporanea di Udine per la presentazione del catalogo.


info: assoc.operaviva@libero.it
http://www.assocoperaviva.it
facebook OPERA VIVA Trieste

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...