Dopo 10 anni di cure, da uno storico vigneto di Prosecco nasce un vino eccezionale

Sandi Skerk

L’enologo e viticoltore Sandi

Tutto ciò che il noto e rinomato viticoltore ed enologo Sandi Skerk ha delineato imprenditorialmente nell’ultimo periodo è stato impostato per il lungo termine. Più di un decennio fa, ha svegliato da più di mezzo secolo di sonno i nella collina di chiamata Postrane; tre anni fa, ha iniziato a scavare una nuova cantina, che – prevede – profumerà di solo tra circa sette anni. Dopo dieci anni di cure, il vigneto con vista sul Castello di Miramar ha dato i suoi primi frutti di qualità: il vino 18-10, che Skerk ha presentato in anteprima pochi giorni fa nella Lokanda Devetak a San Michele del Carso.

Ciò che ha spinto Skerk a restaurare il vigneto in collina è il desiderio di fare qualcosa che riguardi il nostro territorio. “Il Carso è molto piccolo, ma è qualcosa di bello, meraviglioso. Ciò è particolarmente vero per la viticoltura, gli altri non hanno un territorio così particolare e unico. Qui abbiamo terra rossa, calcarea; sono gelosamente conservati germogli che potrebbero rinascere. Sarebbe un vero peccato se non sfruttassimo tutte queste risorse naturali e le portassimo ad un livello elevato. Il Carso offre grandi soddisfazioni a viticoltori ed enologi. Tuttavia, credo che sia nostro dovere arricchire ancora di più il nostro territorio nei prossimi dieci anni”

Skerk ha piantato circa quattromila viti e attualmente produce circa 15 quintali di uva all’anno per circa mille bottiglie all’anno.

Hai chiamato il nuovo vino Glera 18-10. Perché un tale nome?

“Mi piacerebbe molto chiamare il vino prosecco, ma i veneti ora non lo permettono. Quindi ho scelto il nome Glera 18-10. Nelle vecchie regole, ho scoperto che nel Carso si poteva chiamare vino prosecco solo se l’uva veniva raccolta dopo la festa di S. Luca, quindi dopo il 18 ottobre. Dopo un buon secolo, il clima è leggermente cambiato. In natura, sta arrivando prima quello che era considerato il 18 ottobre di un secolo fa, ed ora è valido per il 10 ottobre. L’annata 2015 è stata raccolta l’11 ottobre. L’uva era molto matura, l’abbiamo fatta macerare, abbiamo fatto tutto il processo, dopo sei anni il vino andrà in vendita”

Skerk è soddisfatto del vino nuovo per diversi motivi, non solo per il vino stesso. “Quando presenti un prodotto del nostro territorio che è, in fondo, il frutto della nostra tradizione enologica, significa arricchimento per tutto il nostro territorio. Questa è la strada che porta il Carso nel futuro: con i nostri prodotti sempre più pregiati e riconoscibili”

corsi sicurezza lavoro Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...