Coronavirus | Germania, si ammala ma non è stato in Cina – Riccardi: nessun pericolo in FVG

Riccardi: “La situazione è sotto controllo. Rafforzati i controlli nei punti di accesso al nostro territorio: porti e aeroporto” – “Nessun allarmismo sull’infezione da coronavirus partita dalla Cina: la situazione in Friuli Venezia Giulia è sotto controllo grazie a un sistema rodato, in grado di garantire sicurezza e che, con i protocolli esistenti e le attività dei dipartimenti pienamente operativi, è capace di rispondere a emergenze di questo tipo”. Lo ha detto oggi il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, al termine della riunione di coordinamento che si è tenuta a Trieste con le strutture sanitarie per fare il punto sulle indicazioni fornite a livello nazionale dal ministero della Salute.

Nel frattempo, dall’Europa arrivano notizie inquietanti. Quattro persone in Germania sono state colpiti dal coronavirus che sta mettendo in ginocchio la Cina e spaventando il mondo. Il primo caso tedesco, un manager, è stato contagiato da una collega arrivata dalla Cina, ma senza sintomi. Poi altri tre suoi colleghi si sono ammalati. Con i tre casi in Francia, in totale sono 7 i contagiati in Europa. In Francia, dopo i primi due malati, un uomo anziano (un turista cinese della provincia dell’Hubei) è stato ricoverato in ospedale «in condizioni cliniche gravi», come ha riferito il direttore generale del ministero della Sanità francese, Jérôme Salomon. Quel che più preoccupa è che il primo malato in Germania, un ingegnere, non era mai stato in Cina e sarebbe stato contagiato da una persona che non presentava i sintomi della malattia. Il tedesco, manager di una multinazionale della Baviera con sede a Starnberg, non sarebbe più in pericolo di vita, ma il virus gli è stato trasmesso da una collega che invece era reduce da un viaggio in Cina. E dopo di lui ad altri tre impiegati della sua azienda si sono ammalati. Per precauzione, circa 40 colleghi del nuovo contagiato sono stati sottoposti a test.

Almanacco News

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *