Barcolana 52: stavolta enogastronomia, ristorazione e vendita affidate a chi le fa per mestiere

Rive di Trieste

“Aiutare gli esercenti in difficoltà”, questo uno dei principali obiettivi dello spazio “open” della Barcolana edizione 2020. La prima regola della Barcolana a terra è quella di esserci senza creare assembramenti e di organizzare un evento sicuro, affidando enogastronomia, ristorazione e vendita a chi la fa per mestiere: i negozianti, i e gli albergatori di Trieste che già seguono le regole per prevenire la diffusione del Coronavirus. In questa particolare Barcolana52, lungo le Rive si potrà passeggiare e ammirare le imbarcazioni ormeggiate, vedere i protagonisti della regata e condividere l’attesa della Barcolana. Si potrà inoltre partecipare agli eventi organizzati in Piazza Unità, in e in numerose altre location, come il Porto Vecchio e il Castello di Miramare. Per l’enogastronomia e lo shopping ci sarà invece tutta la città a disposizione, collegata all’evento grazie a un grande Concorso Vetrine organizzato con e Confcommercio e una “rotta” della ristorazione che valorizza le proposte tipiche.

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...