Bach: l’invenzione dell’invenzione – qualcosa con la viola a chiavi

Marco e Angela Ambrosini

Wunderkammer – L’arte dell’invenzione
martedì 5 novembre – ore 20:30 Teatro Miela

BACH: L’INVENZIONE DELL’INVENZIONE
qualcosa con la viola a chiavi

Martedì 5 novembre 20:30 al teatro Miela va in scena L’invenzione dell’invenzione, un progetto che di inventivo ha tutto, a partire dalla strumentazione.
Due viole a chiavi e due clavicembali suoneranno le quindici Invenzioni a due voci di J.S. Bach, conosciute principalmente come un’opera didattica per strumenti a tasto, dall’apparenza semplici ma tutt’altro che intuitive. La mente geniale di Bach ha messo insieme, in ciascuna invenzione, due voci, ovvero due melodie che si muovono in maniera indipendente, si intrecciano, comunicano in modo giocoso fra di loro, dando al pezzo unità e compattezza. Lo scopo era quello di abituare le mani a muoversi in modo indipendente l’una dall’altra, ciascuna impegnata contemporaneamente su tonalità diverse: l’origine insomma del multitasking!

Se il clavicembalo ormai non ha più bisogno di presentazioni perché spesso presente nei programmi di Wunderkammer Trieste, è invece doveroso introdurre  la viola a chiavi: chiamata nykelharpa in svedese, è uno strumento cordofono ad arco di origini molto antiche, parte dell’eredità dell’Europa medievale, imparentato probabilmente sia con la viella, che con la ghironda e diffuso in Italia a partire dal XIV secolo ma sopravvissuto negli ultimi 3 secoli soltanto nella regione svedese delle Uppland, in Svezia. Nelle Invenzioni a due voci di Bach crea tensioni musicali, campi armonici, linee melodiche nascoste che proprio per la loro ambiguità affascinano in un complesso gioco di specchi in cui la realtà si riflette nella musica.  L’insolita orchestrazione delle Invenzioni qui presentata con due nykelharpa suonate da Marco e Angela Ambrosini e due clavicembali, sui cui tasti si muoveranno le mani di Paola Erdas e Eva Maria Rusche, crea non solo spazi sonori inediti, ma si collega anche all’eredità spirituale di Johann Sebastian, cercando tra le sue note la poesia, la passione ed il fascino dell‘invenzione perpetua che fu, come anche per Leonardo, ragione di vita del grande Maestro.
organizzazione: Associazione Epicantica in collaborazione con Bonawentura

Euroland, il bazar tutto triestino! Segui la pagina facebook e metti un like, per non perdere le offerte e le news!

Almanacco News

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *