Austria: maggiori controlli alle frontiere, interviene l’esercito, problemi con Lombardia e Slovenia

L’esercito federale austriaco dovrebbe aiutare nuovamente le autorità con i alle frontiere da lunedì prossimo. Il motivo è l’aumento delle insidie dai paesi balcanici, quindi scatterebbero ulteriori non solo ai , ma anche nelle località turistiche. Siccome il personale preposto è scarso, quattro distretti richiederanno l’esercito.

Le richieste delle autorità distrettuali in vista dei controlli sono attualmente enormi. Da un lato, il rispetto dell’obbligo della mascherina a Velden, Pörtschach, Krumpendorf e St. Kanzian e nei mercati di Klagenfurt è stato verificato da diversi giorni, dall’altro lato, il governo federale chiede nuovamente maggiori controlli alle frontiere, in particolare con la , a causa dell’aumento delle infezioni nelle Stati balcanici. Inoltre, le autorità sanitarie si stanno già preparando per la prossima stagione influenzale.

Sono interessati i distretti di Wolfsberg, Völkermarkt, Klagenfurt Land e Villach-Land. Questo non è più gestibile con i dipendenti della società – troppo poco personale per i controlli sanitari. Il capo distretto di Villach Land, Bernd Riepan, ha aggiunto: “Come ho già detto più volte, siamo al limite in termini di personale. Abbiamo il mandato del ministero di aumentare i controlli alle frontiere, in particolare per quanto riguarda i Balcani. Non possiamo farlo con il nostro personale. ”

Quattro distretti richiedono l’esercito
L’amministrazione distrettuale di Villach-Land aveva già formalmente richiesto assistenza. Anche i distretti di Klagenfurt-Land, Völkermarkt e Wolfsberg si uniranno, secondo Riepan. Si erano informati a vicenda in modo informale, era chiaro a tutti che l’esercito era necessario.

Venerdì ci sarà una sessione di addestramento iniziale per 40 soldati. Fino ad allora, le linee guida del ministero dovrebbero essere chiare, come ad esempio il controllo a tappeto ai confini. L’assegnazione dell’assistenza potrebbe quindi già iniziare nel fine settimana, con l’inizio previsto per la prossima settimana lunedì.

Aiuto con la tracciabilità dei contatti
L’esercito potrebbe affrontare un altro compito in autunno. La direzione medica sta già valutando se la polizia e le forze armate dovrebbero supportare il tracciamento dei contatti delle persone infette. All’Esercito federale è già stato richiesto di rintracciare i contatti nell’Alta .

Paesi con bollino rosso
A causa della diffusione globale del virus, gli avvisi di viaggio pericoloso si applicano attualmente a 32 paesi: Egitto, Albania, Bangladesh, Bielorussia, Bosnia ed Erzegovina, Brasile, Bulgaria, Cile, Ecuador, India, Indonesia, Iran, Kosovo, Messico, Montenegro, Nigeria, Macedonia settentrionale, Pakistan , Perù, Filippine, Portogallo, Moldavia, Romania, Russia, Svezia, Senegal, Serbia, Sudafrica, Turchia, Ucraina, Stati Uniti, Regno Unito.

Inoltre, gli avvisi di viaggio semi-pericoloso si applicano alla provincia cinese di Hubei e alla regione italiana della .

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...