Animalisti: creare cordone sanitario per salvare gli animali sotto bombardamento in Ucraina

animali in fuga dall'Ucraina

GUERRA UCRAINA-RUSSIA: COME GLI ANIMALISTI SI STANNO ATTIVANDO PER GLI ANIMALI
I militanti LAV stano seguendo l’evolversi della situazione in Ucraina per verificare gli effetti sugli animali e comprendere le possibilità di aiutare gli animali e identificare le situazioni di bisogno. Sono in costante contatto con numerose associazioni locali ed internazionali per ricevere da più parti dati aggiornati, data la situazione di caos nel Paese, ed avere informazioni quanto più attendibili.

La nota della LAV:

“In queste ore stiamo diramando, anche con l’aiuto delle comunità ucraine in Italia, una comunicazione importante per informare le persone che stanno lasciando l’Ucraina, che possono entrare nell’Unione Europea portando con sé i propri cani e anche senza i loro documenti. In caso di problemi abbiamo attivato un servizio di assistenza che risponde al numero: +39 06 4461325
LA SITUAZIONE PER GLI ANIMALI RIMASTI IN UCRAINA È MOLTO CRITICA, C’È SCARSITÀ DI E DI ALTRI GENERI E MOLTE DELLE REALTÀ CHE SE NE PRENDONO CURA SONO IN DIFFICOLTÀ.
Per questo, abbiamo stanziato un fondo di 10.000 € dedicato all’emergenza Ucraina, reso possibile grazie ai nostri sostenitori.
Oggi, 28 febbraio, abbiamo inviato un primo contributo a “?nimal shelter “Sirius”, il più grande rifugio del Paese, che accoglie 3.165 cani nella regione di Kyiv e si è a noi per i suoi animali.
Nei giorni passati ci siamo messi in contatto anche con Andrea Cisternino, che in Ucraina gestisce il rifugio “Italia Kj2”, il quale ci ha rassicurato di avere al momento tutti i rifornimenti necessari.
Continueremo nei prossimi giorni a mantenere aperto ogni canale di comunicazione per capire come poter aiutare gli animali in stato di necessità e le possibili e migliori modalità per farlo in un contesto così delicato e complesso”

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...