Alabarda Pallamano Opicina sconfigge l’Arcobaleno Oriago

Formazione-Alabarda-Opicina_vs-Oriago-pallamano

, TUTTO IN UNA NOTTE: SUCCESSO E AGGANCIO ALL’

La squadra di coach Laurini s’impone per 27-22, sale a quota 9 punti e aggancia in graduatoria proprio il team lagunare, alla vigilia seconda forza del torneo

Successo prestigioso per l’Alabarda Onoranze Funebri Opicina, che al PalaCova supera l’Arcobaleno Oriago (27-22 il risultato finale), alla vigilia seconda forza del torneo. Un successo importante (sia in termini di morale che di classifica), voluto fortemente da tutti i ragazzi di coach Laurini, che ora si trovano appaiati in graduatoria proprio ai lagunari. Per l’Alabarda si tratta della terza affermazione stagione, tra le altre cose ottenute tutte sul parquet di casa.

Partenza convincente, senza dubbio la migliore sin qui vista in stagione, per i gialloneri. L’Opicina passa subito a condurre e con Varesano (minuto 8) trova la rete del 5-1. Alcune pause in fase di non possesso consentono all’Oriago di rimettersi prontamente in carreggiata, grazie anche i gol di Zennaro, indiscusso leader tecnico della compagine lagunare. Nonostante il rientro degli ospiti, l’Alabarda continua a condurre le operazioni; Van Den Dungen al 18′ porta l’Alabarda sul +3 (8-5). L’Arcobaleno, però, per ben due volte si riporta a -1 (8-7 al 23, 10-9 al 27′) ma Benvenuti (al rientro dopo oltre 5 mesi di inattività) dimostra di essere ancora uno degli interpreti migliori nel Triveneto del ruolo di portiere. La prima frazione si chiude con una pregevole segnatura del pocanzi citato Zennaro, che fissa l’11-10 (a favore dell’Opicina) di metà gara.

In apertura di ripresa Muran, Perini e Varesano firmano il nuovo allungo di marca giallonera (14-11) e poco dopo Ciriello, sbloccandosi dall’ala sinistra, porta i suoi sul +4 (16-12). Il più sembrerebbe fatto, ma l’Alabarda accusa un momento di appannamento (più psicologico che fisico). L’Oriago è lesto a rifarsi sotto, e con un 6-1 di contro-break piazza il sorpasso al minuto 44′ (17-18). Due reti in rapida successione di Dandri spingono di nuovo in avanti l’Opicina (19-18). Poi è la volta di Van Den Dungen e di Perini: gialloneri avanti sul 20-18, grazie anche agli interventi di un attento Camarda. La firma sul successo la mettono a quattro mani Varesano e Temeroli, in rete cinque volte negli ultimi sei minuti di gioco.

ALABARDA ONORANZE FUNEBRI OPICINA – ARCOBALENO ORIAGO 27-22 (p.t. 11-10)
ALABARDA ONORANZE FUNEBRI OPICINA: Benvenuti, Camarda, Ciriello 3, Custodio, Dandri 2, De Sanctis 1, Gaggero, Muran 4, Perini 2, Rongione, Scomina, Temeroli 4, Van Den Dungen 2, Varesano 9. All. Laurini
ARCOBALENO ORIAGO: Pomiato, Cecili, Brozzola, Lazzarin 3, Biasi, Zornetta, Zennaro 6, Nardin 2, Fasolo 2, Rosan, Chiozzotto, Favaro 6, Ferrotti 3. All. Leandri
ARBITRI: Curci – Dragovic

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...