A Isola traffico illegale di frutta e verdura, abitanti inferociti

Il comune di Izola/Isola in Slovenia intende disciplinare la zona con un decreto. I trafficanti disonesti di frutta e verdura lungo le strade hanno il via libera, non ci sono recinzioni o ispettori. Il modo in cui funzionano è noto, ma le autorità competenti hanno le mani legate.

Il comune di Izola chiede quindi un’azione comune e adotta esso stesso un piano e un decreto, in base al quale l’attività di mercato sarebbe consentita solo in luoghi specifici e ai guardiani e agli ispettori municipali verrebbero conferiti maggiori poteri. L’Ispettorato per la sicurezza alimentare, la medicina veterinaria e la protezione delle piante vede una possibile soluzione nei mercati ufficiali e vendite dirette dell’agricoltore.

La storia delle bancarelle lungo la strada si ripete ogni anno e i coltivatori e i venditori locali ne sono particolarmente colpiti. Una di queste, che ha una stalla al Belvedere e un frutteto di ciliegie nelle vicinanze, dice di avere tutti i permessi necessari per vendere frutta e verdura, mentre per la maggior parte dei rivenditori non è così. “Non sembrano esserci regole per loro, ma solo per noi, gente del posto. Esorto lo stato a fare in modo che questo venga risolto una volta per tutte”, ha spiegato.

I rivenditori di solito hanno diverse società in “stock”, se una di queste è in fase di controllo, trasferiscono formalmente la propria attività in un’altra società e allo stesso tempo trasferiscono fisicamente il punto vendita in un’altra sede. Dato che i proprietari e le persone responsabili di tali società sono, di norma, stranieri che operano attraverso le caselle postali, è difficile per gli ispettori stanarli.

Quest’anno , la comunità locale si è data da fare per la risoluzione del problema a Belvedere, recintando le proprie terre per impedire la vendita illegale, ma i rivenditori hanno rimosso il recinto e hanno riaperto le bancarelle.

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *