13 luglio blindatissimo al Narodni dom, cerimonia a porte chiuse, 007 ovunque

Lunedì 13 luglio giornata storica a Trieste, con le più alte cariche dello Stato italiano e quello sloveno in occasione della di riconsegna del , e della visita ufficiale congiunta alla Foiba di e al monumento degli eroi. Ma l’evento sarà blindatissimo, a porte chiuse. Massima sicurezza quindi, con un sistema di sorveglianza che non ha uguali almeno dal 2013 in occasione della visita di Putin.

La giornata in dettaglio

La visita di lunedì di e , i presidenti italiano e sloveno, in occasione del 100 ° anniversario dell’incendio del Narodni dom, per il quale vi sono grandi aspettative, si svolgerà a un ritmo molto rapido, il che non è così insolito per tali visite. È un po’ meno comune, tuttavia, che l’evento sarà completamente a porte chiuse, i luoghi saranno rigorosamente sorvegliati, il che significa che le persone che vorrebbero partecipare all’evento non potranno partecipare. L’area sarà sorvegliata da un gran numero di agenti di polizia. Soprattutto in luoghi all’aperto, gli agenti di polizia controlleranno che nessuno che non sia nella lista estremamente breve di rappresentanti invitati a visitare i due monumenti di Basovizza sarà in grado di avvicinarsi.

Il presidente sloveno Borut Pahor arriverà alle 11 del mattino, e verrà ricevuto dal presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella con onori militari. Dopo mezz’ora saranno a Basovizza, dove per la prima volta si recheranno alla Foiba e poseranno una ghirlanda comune. Il convoglio proseguirà e alle 11.50 arriverà al boschetto, dove si trova il monumento ai quattro eroi di Basovizza. Mattarella e Pahor renderanno omaggio agli antifascisti: Bidovec, Marušič, Miloš e Valenčič.

Alle 12.15 , il presidente Borut Pahor e la sua delegazione slovena arriveranno di fronte alla prefettura di Trieste, dove saranno accolti dall’omologo italiano Sergio Mattarella. I due presidenti conferiranno poi a le decorazioni di stato: in primo luogo, Mattarella gli assegnerà l’Ordine al merito della Repubblica italiana, il Cavaliere della Grande Croce, e il Presidente sloveno conferirà allo scrittore l’Ordine al merito straordinario.

Il momento per firmare il protocollo d’intesa per il ritorno del Narodni dom alla comunità nazionale slovena in Italia arriverà alle 12.30 . Successivamente, alle 12.40 , sarà la volta dei due presidenti, che si incontreranno nella sala blu con i rappresentanti della comunità nazionale slovena in Italia e la comunità nazionale italiana in Slovenia.

Sergio Mattarella incontrerà il suo omologo sloveno al Narodni dom alle 13.15 , dove i due presidenti vedranno la mostra nella sala e firmeranno il libro d’oro. Il presidente italiano partirà per la prefettura alle 22.25, mentre Borut Pahor rilascerà una dichiarazione ai media sloveni nella sala della Narodni dom. I capi dei due paesi pranzeranno insieme alla prefettura. Da lì, Pahor tornerà nella capitale slovena e Mattarella tornerà a Roma.

CERIMONIA COMUNE DI POMERIGGIO

Dopo la partenza dei presidenti, i recinti che limiteranno l’accesso al Narodni dom saranno rimossi. Le persone potranno finalmente avvicinarsi al palazzo, che sarà il protagonista della giornata con tutto il suo significato simbolico. Alle 16:00 , le corone saranno deposte sulla facciata dall’organizzazione ombrello, dalla Comunità slovena e dal Partito Democratico e dall’Associazione Nazionale dei Partigiani Italiani ANPI. Alla breve cerimonia parteciperanno il ministro degli sloveni all’estero Helena Jaklitsch e il vicepresidente dell’Unione federale delle Comunità nazionali europee FUEN Angelika Mlinar. Anche il Narodni dom verrà salutato dal canto: il saluto musicale sarà portato da Vikra, il gruppo vocale di Glasbena matica.

Almanacco News
COOP online » Fai la tua spesa QUI

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *