Temperatura attuale: 11...........Temp. minima: 10...........Temp. massima: 13...........Umidità: 94%Molto umido ...........Vento direzione: ...........Vento intensità: - ...........Pressione: 1015 hPa

Calcio, la Triestina strapazza l’Altovicentino con un risultato tennistico

ALTOVICENTINO 2
TRIESTINA 5
Marcatori: al 19′ Corteggiano, al 44′ Frulla; nel secondo tempo al 2′ Aquaro, al 10′ Frulla, al 25′ Trinchieri, al 36′ Trinchieri su rigore, al 46′ Banegas

Stadio Nereo Rocco Trieste

La Triestina vince la partita delle prime volte: primo 5-2 della stagione, prima rete di Corteggiano, di Aquaro e di Frulla (autore addirittura di una doppietta).
Campo pesante e pioggia senza sosta. Con queste premesse la Triestina inizia la sfida contro una ex concorrente diretta che naviga in cattive acque societarie. Gli azzurri di casa però sono tutt’altro che dimessi, ciononostante la Triestina riesce a tenere l’avversario nella propria metà campo fino al meritato vantaggio del 19′ giunto grazie a un taglio dalla destra di França verso il secondo palo dove Corteggiano in scivolata è in agguato per la rete in scivolata.
Primo tentativo dell’Alto al 29′ con il traversone dalla sinistra di Gregora respinto di pugno da Voltolini.
Al 32′ un’azione che avrebbe meritato miglior sorte: azione centrale di França che allarga a sinistra per Corteggiano che la mette subito in mezzo per Dos Santos la cui deviazione sbatte sul palo prima che la difesa di casa possa sbrogliare.
Il raddoppio però giunge a un minuto dal termine del primo tempo grazie a una palla recuperata da Carraro a centro campo, la palla arriva a França che òla allarga a sinistra per Corteggiano, Frulla segue l’azione e il passaggio rasoterra dell’argentino per il marchigiano è semplicemente deliziono e Frulala non deve fare altro che appoggiare in rete.
Brivido per Voltolini un minuto dopo su imbucata di Trinchieri ma spazza.
Il secondo tempo inizia con la Triestina subito avanti a guadagnarsi un calcio di punizione dal vertice sinistro dell’area avversaria: calcia Banegas per l’inzuccata di Aquaro che buca per la terza volta D’Avino; 0-3 dopo un minuto e mezzo dall’inizio della ripresa.
Ma non è finita: al 10′ arriva la quaterna firmata nuovamente da Frulla grazie a una punizione all’apparenza innocua dalla fascia sinistra non viene toccata da nessuno, la mancata deviazione di Aquaro inganna un indeciso D’Avino e il pallone si infila alle sue spalle.
Il tempo di assistere alla staffetta Dos Santos – Serafini e l’Alto si rende pericoloso con Rosa Gastaldo che aggancia a centro area e calcia sicuro a rete, ma la manona di Voltolini gli nega il gol.
L’Altovicentino accorcia le distanze al 25′ grazie al bomber Trinchieri che si gira al limite dell’area e infila una palla in buca d’angolo sulla quale Voltolini nulla può.
Ci prova subito dopo il neoentrato Meduri ma D’Avino stavolta c’è.
L’Alto prova ad alzare il ritmo guadagnandosi due corner consecutivi che non destano grandi preoccupazioni alla retroguardia alabardata.
Ci prova França su invito di Serafini ma il suo sinistro chirurgico è deviato in angolo.
Al 36′ Crosato atterra Caporali appena dentro l’area: il direttore di gara assegna il rigore ai locali che Trinchieri non sbaglia spiazzando Voltolini.
L’Altovicentino spinge alla ricerca del terzo gol e si scopre così, nel primo dei tre minuti di recupero, Carraro recupera un altro dei suoi preziosissimi palloni a centrocampo e allunga per Banegas che avanza fino a trafiggere per la quinta volta D’Avino.

Le formazioni
ALTOVICENTINO: D’Avino, Zossi, Bagaglini (33′ p.t. De Masi), Yarboye, Kicaj, Dalla Bernardina (34′ s.t. Incatasciato), Gregora, Caporali, Trinchieri, Andreetto, Rosa Gastaldo (21′ s.t. Talin). All. Pagan
A disposizione: Bazzucchi, Forte, Carbonaro
TRIESTINA: Voltolini, Crosato, Pizzul (47′ s.t. Brandmayr), Frulla (23′ s.t. Meduri), Aquaro, Leonarduzzi, França, Carraro, Dos Santos (16′ s.t. Serafini), Banegas, Corteggiano. All. Andreucci
A disposizione: Consol, Marchiori, Di Dionisio, Bradaschia, Turea, Bajic
Ammoniti: Gregora, Carraro
Arbitro: Cassella di Bra (Raimondo Spena di Saronno e Zangara di Catanzaro)
Spettatori: 600 circa dei quali un’ottantina rossoalabardati

You may also like...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *