“IN PRIMA PERSONA”: Sandy Skoglund, Teun Hocks e Miela Reina

“IN PRIMA PERSONA”: Sandy Skoglund, Teun Hocks e Miela Reina
alla Galleria Comunale d’Arte Contemporanea di Monfalcone.

Venerdì 19 luglio alle ore 19.00 una visita guidata gratuita
condotta dalla curatrice Lorena Matic.

La narrazione è il filo conduttore della mostra “In prima persona” che, alla Galleria Comunale d’Arte Contemporanea di Monfalcone, mette in relazione le opere di due grandi artisti internazionali, Sandy Skoglund e Teun Hocks, con l’opera storicizzata di Miela Reina, artista triestina (1935-1972) fra le più rappresentative del Novecento, celebrata in Italia e all’estero.

Un’esposizione promossa dal Comune di Monfalcone e curata da Lorena Matic nell’ambito del progetto dell’Associazione Opera Viva “Questa volta metti in scena… la Meraviglia di Alice – Scoperte Leonardesche tra Cielo e Terra”, che parla di meraviglia alludendo al Paese meraviglioso della fiaba al modus operandi di Leonardo Da Vinci, in cui sperimentazione e ricerca propongono prospettive nuove, mondi ricreati e scenari evoluti.

La narrazione in Skoglund si ritrova nelle minuziose ambientazioni fiabesche, in Hocks dalla mise en scène, in cui l’artista stesso è il personaggio di surreali racconti, in Reina è parte già dei titoli delle sue opere grafiche (Vestito per occhiali, Museruola per fiammiferi, Dentiera per forbici) e della sua capacità di spaziare con estrema facilità alle più svariate tecniche.

In mostra alla Galleria comunale d’Arte Contemporanea di Monfalcone fino al prossimo 3 agosto con orari mercoledì ore 10-13, giovedì, venerdì e sabato ore 18-21 (ingresso libero) – spiega la curatrice Lorena Matic che effettuerà una visita guidata gratuita venerdì 19 alle ore 19.00 – complessivamente più di cinquanta opere e, per la prima volta in Friuli Venezia Giulia, si propone l’opera di Teun Hocks e un notevole nucleo di opere fotografiche in grande formato di Sandy Skoglund, artista presente nei più prestigiosi musei: Centre Pompidou, Metropolitan Museum of Art, Whitney Museum.
Le potenti opere della Skoglund sono il frutto di un lungo lavoro certosino, preparatorio di scene quotidiane in cui ogni minimo dettaglio assume una valenza cromatica, e dove animali od altri elementi in sgargianti colori affollano le fiabesche scene.
L’artista olandese Teun Hocks, uno dei pionieri della Staged Photograpy, espone delle foto-pitture; l’autore si ritrae fotograficamente in ironiche situazioni, scene che richiamano contemporaneamente il surrealismo di Magritte e l’impassibilità di fronte all’assurdo che ricorda Buster Keaton.
Di Miela Reina, artista triestina, scomparsa prematuramente, ma che Gillo Dorfles paragonò a Mozart per qualità e produttività del lavoro, sono esposte opere grafiche degli anni 70, e disegni, di fine anni 50-primi anni 60.

La 15° edizione di “Questa Volta metti in scena… “ mette in stretta relazione la meraviglia – nel senso universale del termine – generata dagli studi e dal metodo Leonardesco che portarono alle scoperte, con la meraviglia che incontra la protagonista del racconto di Lewis Carroll – Alice nel Paese delle Meraviglie – pseudonimo del matematico Charles Lutwidge Dodgson, nel suo viaggio. La scienza, che porta alle scoperte e la sperimentazione che porta all’arte, sono due campi che si contaminano e Leonardo si fa precursore della contemporaneità con la giusta intuizione.

Hai bisogno di una guida turistica personale per visitare Trieste? Scrivici: info@informatrieste.eu

Almanacco News

You may also like...