fbpx

50 anni di scienza a Trieste: un colloquio con Fabio Pagan

Fabio Pagan e Margherita Hack

Continua il ciclo di conferenze
proposte dalla mostra “Trieste e la scienza”

11 ottobre 2018, ore 18,
Piazza della libertà, 8 (all’interno della stazione ferroviaria), Trieste

Giovedì 11 ottobre nello spazio Trieste Città della Conoscenza si svolgerà un incontro con il giornalista Fabio Pagan, testimone e protagonista della nascita e dello sviluppo della Trieste scientifica che conosciamo oggi. L’incontro, pubblico e gratuito, si svolge nell’ambito di un ciclo di conferenze proposto dalla mostra interattiva e multimediale “Trieste e la scienza” , che racconta duecento anni di ricerca scientifica nella nostra città.

Per maggiori informazioni consultare il sito: www.triesteconoscenza.it.
Nel 1964 Paolo Budinich e il (futuro) Premio Nobel Abdus Salam, dopo aver sfidato in piena Guerra fredda le grandi potenze internazionali, fondano l’ICTP, il Centro Internazionale di Fisica Teorica. Da quel momento in poi, sempre con lo zampino di Budinich e colleghi, nasceranno qui altri importanti istituti internazionali di ricerca (SISSA, ICGEB, TWAS, ecc.) che insieme alle realtà già esistenti andranno a formare quel Sistema Trieste oggi così importante sul piano economico, culturale e sociale, per la nostra città.

Di questa rivoluzione Fabio Pagan, giornalista scientifico (Il Piccolo, Radio3 Scienza) non è stato solo un testimone ma anche un protagonista. In quegli anni Pagan e lo storico quotidiano locale, Il Piccolo, hanno infatti contribuito in maniera decisiva a documentare e informare la cittadinanza su quanto stava accadendo, ma anche a compattare l’opinione pubblica, e di conseguenza le forze politiche, a sostegno dell’opera di Budinich e dei tanti altri protagonisti di queste vicende. È proprio questo sostegno, insieme alla tenacia, intelligenza e capacità di personaggi come Arturo Falaschi, Luciano Fonda, Renzo Rosei, Domenico Romeo (solo per citarne alcuni), che oggi a Trieste esistono, oltre agli istituti già citati, anche il parco tecnologico di eccellenza Area Science Park e l’anello di Elettra Sincrotrone.

Giovedì 11 ottobre, alle 18.00, Pagan sarà protagonista di un dialogo con Federica Sgorbissa, giornalista scientifica e co-curatrice insieme a Davide Ludovisi di Trieste e la Scienza, la mostra interattiva  e multimediale che racconta duecento anni di storia della Trieste scientifica. La conferenza si svolgerà proprio nello spazio Trieste Città della Conoscenza dove si svolge la mostra.

Con Pagan il pubblico ripercorrerà le vicende riguardanti la nascita e lo sviluppo del Sistema Trieste. Un racconto avvincente, a tratti avventuroso, il cui respiro va ben oltre quello dei confini cittadini. Pagan, che nel suo lavoro di giornalista ha conosciuto tutti i protagonisti degli ultimi cinquant’anni, (raccontati anche nel libro “Trieste e la scienza“, edito da Mgs Press su cui la mostra è basata) mostrerà come in quegli anni la cronaca giornalistica (raccontata principalmente sulle pagine del Piccolo) si è intrecciata alla storia, anche quella più ampia del dopoguerra, della guerra fredda e dell’Italia del boom economico.

Per i più curiosi, i curatori sono disponibili, a partire dalle 16.00, per esplorare assieme al pubblico i contenuti della mostra, arricchendo la visita con informazioni e aneddoti sui personaggi e sui luoghi.

Per maggiori informazioni consultare il programma dettagliato qui sotto o scrivere all’indirizzo info@triesteconoscenza.it. Per essere aggiornati su tutte le attività dello spazio Trieste Città della Conoscenza è possibile consultare il nuovo sito: www.triesteconoscenza.it.


La mostra

La mostra, a cura di Sissa Medialab progettata in collaborazione con Interfase, nasce dal libro omonimo edito da MGS Press, è interattiva e multimediale e si articola in due postazioni. Una grande “plancia”, digitale e analogica allo stesso tempo, all’interno dello spazio Trieste Città della Conoscenza (TCC) dove navigare in maniera interattiva attraverso le storie dei personaggi e degli istituti. L’exhibit fornisce informazioni biografiche, date, mappe e fotografie che rendono inoltre semplice cogliere a colpo d’occhio periodi e tendenze della ricerca scientifica nei vari periodi. La seconda postazione trasforma la vetrina dello spazio TCC letteralmente in un grande touch screen, dove partecipare a un quiz sulla scienza triestina 24 ore su 24(resterà infatti fruibile anche negli orari di chiusura dello spazio, aperto dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 18.00).

È importante sottolineare inoltre che la mostra, disponibile in italiano e inglese, è progettata per offrire un’esperienza completa e coinvolgente anche per le persone con disabilità visive, uditive e motorie, ed è quindi adatta a tutti. Mostra ed eventi collegati sono gratuiti e non richiedono prenotazione.


Lo spazio TCC

Trieste Città della Conoscenza è uno spazio di public engagement sui temi della ricerca, situato all’interno della stazione ferroviaria di Trieste e aperto a cittadini di tutte le età, turisti e visitatori di ogni genere. Nello spazio si organizzano conferenze, mostre, laboratori e attività varie proposte dagli istituti membri del protocollo (quello che organizza anche Trieste Next). La rete TCC mette insieme Comune di Trieste, università ed enti di ricerca in una collaborazione attiva per agevolare il dialogo tra i suoi protagonisti.

IMMAGINE:
Fabio Pagan con Margherita Hack. Crediti: Fabio Pagan

Lonza Investments - investimenti alta renditaVip Costruzioni impresa edile Trieste

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *