fbpx

Alma pallacanestro Trieste disintegrata dalla Reyner Venezia, ora finale di consolazione

Pallacanestro Trieste - Fernandez contro Haynes - foto Luigi Canu - ag. Ciamillo Castoria

Pallacanestro Trieste – Fernandez contro Haynes – foto Luigi Canu – ag. Ciamillo Castoria

Sarà finale di consolazione per l’Alma Trieste in quel di Sassari: al PalaSerradimigni, nell’ambito del torneo “Città di Sassari”, i ragazzi di coach Eugenio Dalmasson si arrendono di fronte alla Reyer Venezia con il punteggio di 79 – 48. A differenza della sfida di Lignano, la Reyer recupera i nazionali Tonut e Biligha, mentre coach Dalmasson fa a meno di Wright, Walker, Da Ros e Peric: il tecnico biancorosso parte con il quintetto formato da Fernandez, Sanders, Strautins, Janelidze e Knox; risponde Venezia con Haynes, Stone, Bramos, Biligha e Daye.

Il primo canestro è di Bramos, che con una tripla brucia la retina: Daye mette cinque punti di fila e Venezia allunga sul punteggio di 10 – 1, poi è Sanders, dopo tre minuti e mezzo, a piazzare il primo canestro dal campo. La reazione dell’Alma è affidata al vigore di Janelidze ed a Strautins per uno 0 – 6 di risposta: quando Haynes e Stone vanno a canestro, per il 15 – 7 Reyer, Dalmasson chiama time out a 4’40’’ dalla prima sirena. La sospensione serve, perchè i triestini rientrano in campo e gli americani Mosley, Sanders e Knox producono il pareggio a quota 16: Venezia torna avanti nel finale, con il canestro di Washington che vale il +4 al 10’.

Il secondo periodo si apre con un bell’assist di Schina per Sanders, ma Daye continua a crivellare la retina (25 – 20 Reyer dopo un minuto e mezzo): “Lobito” Fernandez si accende con una penetrazione e un canestro dalla media per il 29 – 24 a sei minuti dall’intervallo lungo. La Reyer tocca il +10 con Mazzola e Biligha, poi il tap-in di Sanders ridà ossigeno ai biancorossi: Mosley e Knox riescono a tenere a contatto l’Alma, poi Venezia allunga nuovamente, con una schiacciata di Tonut, ed il secondo quarto si chiude 43 – 31.

Venezia apre la ripresa con cinque punti di fila, andando sul +17: Sanders in contropiede indovina un canestro e fallo, ma la Reyer è micidiale da tre punti e continua a rimanere in vantaggio. Strautins mette un tiro dalla media (56 – 37) e si rende anche utile in difesa, fermando Washington con le maniere dure: Venezia non accenna a diminuire i ritmi e pressa a tutto campo, Strautins piazza la tripla del meno venti ma Kyzlink sigla due tiri pesanti che propiziano il +21 orogranata al trentesimo.

Nell’ultimo periodo, la formazione di De Raffaele continua ad amministrare il vantaggio: si rimane per diversi minuti senza segnare, coach Dalmasson chiama time out a 5’54’’ dalla sirena finale (64 – 42); Mosley schiaccia in tap-in su un errore di Strautins, ma Venezia continua a rimanere avanti grazie alle iniziative di Daye e Haynes. Il lettone Strautins (3/6 da due, 1/2 nelle triple, 3/4 ai liberi, 6 rimbalzi, 2 recuperi) piazza un paio di canestri dalla media, ma la Reyer rimane sempre in controllo del match, chiudendo con la vittoria 79 – 48 ed accedendo così alla finalissima di sabato 29.

REYER VENEZIA – TRIESTE 79 – 48

Umana Reyer Venezia: Haynes 10, Stone 3, Bramos 3, Tonut 8, Daye 17, De Nicolao 6, Washington 5, Biligha 9, Giuri 1, Mazzola 11, Kyzlink 6, Cerella. All. De Raffaele
Alma Pallacanestro Trieste: Coronica ne, Fernandez 6, Schina 2, Strautins 12, Deangeli ne, Janelidze 2, Cavaliero, Sanders 10, Knox 11, Mosley 5, Cittadini. All. Dalmasson

Parziali: 22-18; 43-31; 63-42
Arbitri: Sardella, Sabetta e Calbucci

Lonza Investments - investimenti alta renditaVip Costruzioni impresa edile Trieste

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *