fbpx

TriesteLovesJazz, in arrivo Cory Henry, i Beatles e il pianista Neil Angilley

Cory Henry

Cory Henry

Sabato 14 luglio, alle 21 in piazza Verdi la leggenda dell’Hammond, Cory Henry (Snarky Puppy).
Domenica 15 un omaggio ai Beatles e lunedì 16 un altro grandissimo della scena europea: il pianista Neil Angilley in trio

Sabato 14 luglio è una data attesissima a TriesteLovesJazz, che vedrà arrivare fans da diverse regioni d’Italia e dalle vicine Slovenia e Croazia, stando alle telefonate e alle prenotazioni arrivate nei giorni scorsi: alle 21 in piazza Verdi (a ingresso libero) sale sul palcoscenico una vera leggenda dell’Hammond: il mitco Cory Henry.
È un organista e tastierista dall’immenso talento: vincitore di 3 grammy awards con gli Snarky Puppy, è un vero e proprio fuoriclasse del suo strumento, l’Hammond B-3, che suona da quando aveva solo 2 anni. A Trieste porta il suo nuovo progetto “Cory Henry and the Funk Apostles”: sin dal nomde del progetto,  l’idea della proposta è chiarissima: una esplosione incontenibile di suono e ritmo, che si diverte e abbraccia i più incisivi accenti di funk, gospel e jazz.
Cory Henry è impegnato anche come producer, e ha lavorato con artisti come Aretha Franklin, P. Diddy, Kirk Franklin, Rob Glasper, Lalah Hathway, Bruce Springsteen, The Roots solo per citarne alcuni. “First Steps” (#1 iTunes Jazz Chart) e “The Revival” sono i suoi due album solisti rilasciati rispettivamente nel 2014 e 2016, e hanno portato Cory Henry ad essere uno degli artisti jazz di culto in tutto il mondo musicale tra jazz e funk internazionale.
Il nuovo album è attualmente in lavorazione e vedrà la luce nei prossimi mesi.
Al fianco di Henry, a Trieste, una band di tutto rispetto: Nicholas Semard alle tastiere, Denis Stoudmire e Tiffany Stevenson alle voci, Taron Lockett alla batteria, Sharay Reed al basso e Adam Agati alla chitarra.

Domenica 15 arriva la freschezza di un progetto giovane e pieno di passione: la Green Orchestra presenta “Beatles Today”, alle 21, in piazza Verdi sotto la direzione di Ettore Martin. Un modo nuovo, divertito, jazzy di restituire il mito dei Fab-Four. Non solo un semplice tributo, ma un viaggio nell’immortale repertorio dei The Beatles rivisitato da una grande orchestra con gli arrangiamenti originali e la direzione di Ettore Martin, stimato sassofonista, compositore e direttore. I Beatles sono “elegantemente vestiti” da un grande organico senza perdere l’immediatezza e l’efficacia della loro anima Pop. La Green Orchestra è composta da Alice Nereide Cossa alla voce, Stefano Bellettato, Francesco Ferrarese ai violini; Mattia Salin alla viola, Elisa Lazzarin al violoncello, Gilberto Pilon al clarinetto, Fabio Zulato, David Trivellato, Gianluca Manoli al sax; Ludovico Rinco, Giulia Chiesa: tromba e flicorno; Marco Convertino, Marco Minorello al trombone, Emanuele Ruggiero alla chitarra, Simone Vason al basso, Andrea Davì alla batteria ed Ettore martin che – oltre che arrangiatore, direttore è anche sassofonista della band.

 

Lunedì 16 luglio il Festival torna al Bastione Rotondo del Castello di San Giusto con un trio di ospiti internazionali dalla carriera consolidata: alle 21 (ingresso libero) sale sul palco il trio di Neil Angilley.
Il pianista leader – fiore all’occhiello della scena jazz inglese e ben noto in tutta Europa – è in carriera dal 1985 con (tra gli altri) Shirley Bassey, Ben “E” King, Sister Sledge,The Pasadenas, Gypsy King, James Galway. Con lui suonano Davide Mantovani al basso – ferrarese naturalizzato londinese, è da anni addentro al mondo del world e del pop; e Davide Giovannini, batterista triestino anch’egli trasferitosi a Londra, che continua una brillante carriera al fianco di Steve Winwood, Bjork, Paul McCartney, Lisa Stansfield solo per citarne alcuni.
A Trieste il trio porta un nuovo lavoro, intitolato “The Lake District”. Una sorta di opera sinfonica per pianoforte, basso elettrico e percussioni che mescola jazz e musica classica. L’opera conta nove movimenti che vogliono descrivere musicalmente la bellezza del Lake District inglese. Il lavoro è dedicato a Beatrix Potter, la scrittrice e illustratrice per ragazzi (“mamma” di Peter Coniglio), anche scienziata naturale, amante della natura e degli animali e coraggiosa paladina della libertà di espressione, che ha donato tutto il suo patrimonio al National Trust inglese, di cui Lake District fa parte.

Vip Costruzioni impresa edile Trieste

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *