Maria Teresa e il Gesuita 1753-2018 nascita e sviluppo dell’arte del navigare

Maria Teresa e il Gesuita  1753-2018 nascita e sviluppo dell'arte del navigare

A cura della storica Diana DE ROSA e del direttore generale dell’Accademia Nautica dell’Adriatico Bruno ZVECH

CONFERENZA al Magazzino delle idee, Corso Cavour 2 – Trieste

mercoledì 10 gennaio 2018 – ore 18.00

Come nasce un’intuizione che porterà generazioni a solcare i mari di tutto il mondo? E come si sviluppano da un Istituto settecentesco i grandi enti scientifici? Questi uomini e questi enti hanno portato Trieste nel mondo accompagnati dalla fama dell’Istituto Nautico.

Riprendono gli appuntamenti a cura dell’ERPAC (Ente Regionale Patrimonio Culturale – Servizio promozione, valorizzazione e sviluppo del territorio) al Magazzino delle Idee nell’ambito della mostra Maria Teresa e Trieste. Storia e culture della città e del suo porto. Mercoledì 10 gennaio alle ore 18, è il momento della storica Diana DE ROSA e di Bruno ZVECH, direttore generale dell’Accademia Nautica dell’Adriatico.

Maria Teresa e il Gesuita è il titolo della conferenza che racconterà l’origine della scuola nautica attraverso le storie degli allievi che l’hanno frequentata alla fine del Settecento e di quelli che la frequentano oggi. Attraverso i libri di bordo compilati durante i viaggi di apprendimento sulle navi battenti bandiera austriaca che li portarono oltre Gibilterra nei mari del Nord e in America, Diana DE ROSA e Bruno ZVECH racconteranno il “Nautico” di ieri e quello di oggi, di antichi e nuovi mestieri, dell’arte del navigare che ha visto Trieste eccellere nel mondo.

Nell’immagine alcuni modellini di velieri esposti (ph. Giovanni MONTENERO)

Prossimo appuntamento il 13 gennaio alle ore 18 con La felicità di Trieste. Casanova nella città della sovrana, spettacolo di teatro e musica a cura del Gruppo strumentale Lumen Harmonicum (da un’idea di Massimo Favento). L’iniziativa è a cura del Segretariato generale dell’Iniziativa Centro Europea (InCE).

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *