Venerdì 24 marzo in scena lo spettacolo AIACE al Verdi di Muggia

Aiace

Prosegue la stagione di Muggia Teatro 2016/17 realizzata dall’Associazione Culturale Tinaos con il patrocinio del Comune di Muggia e il contributo della Regione FVG, con il contributo inoltre della Fondazione CRTrieste e della Fondazione Casali.
Venerdì 24 marzo 2017 alle 20.30 andrà in scena lo spettacolo

AIACE
Una donna, forse una proiezione, un miraggio?
Un uomo, Aiace, evocato attraverso la voce di lei. Ripercorrono insieme la storia dell’eroe, dai fasti delle vittorie no al grottesco tragico epilogo, nella domanda di un’assenza, nello sguardo lontano di un incomprensibile suicidio. Pian piano la donna riveste i panni dell’eroe attraverso le sue parole e le sue folli azioni, no ad assumerne quasi le sembianze. Non più moglie e madre e amante muta e impotente, ma eroina dei nostri giorni.

NOTE DI REGIA
L’Aiace di Ritsos, scritto tra il 1967 e il 1969, è una rilettura della tragedia di Sofocle attraverso la quale il poeta greco, considerato tra i più grandi del 900, offre una visione lucida e cruda della sua contemporaneità umana e politica. L’eroe non c’è più. Gli dei non ci sono più. Nel mettere in scena oggi questo testo ho voluto capovolgerne le parti per interrogare il lato femminile, sensibile dell’eroe, quella voce muta che finalmente arriva al centro della scena e prende parte alla battaglia del vivere. Dramma interiore di quanto al di là del genere il mito ci abita, ci muove, ci sorprende nelle piccole pieghe quotidiane della nostra esistenza contemporanea, ci permea di grandezza e di impotenza nello stesso tempo. L’Aiace di Ritsos è un eroe per forza, umiliato dall’impotenza della “normalità”, di ciò che gli altri gli impongono di essere. Un
Uomo che combatte le sue vicende quotidiane, teso verso un percorso mitico, ma a cui il destino fa compiere azioni ridicole, nello sforzo ossessivo di difendere i propri trofei, a costo della vita e che, infine, scopre la liberazione di perdere ogni cosa. Qui Aiace abita la voce della donna per rivelarle che è sufficiente un passo per raggiungere l’altra riva, dove sono i pioppi tranquilli e il fiume bianco. Lei si pone in ascolto, ricorda, parla, comprende, prende posizione. Si perdono i confini di genere e di spazio vitale, l’uomo e la donna si fondono, non è più chiaro chi abita e chi è abitato.

INFORMAZIONI, PRENOTAZIONI E VENDITA BIGLIETTI

La biglietteria del Teatro Verdi, via San Giovanni, 4 – Muggia (TS), apre un’ora prima dello spettacolo.
TICKETPOINT Corso Italia 6/c Trieste tel. 040 3498276
LA RAMBLA VIAGGI Corso Puccini 21 b Muggia tel. 040 271754
Circuito VivaTicket, www.vivaticket.it oltre 700 punti vendita in tutta Italia.
Intero Platea: € 15,00
Ridotto Platea: accompagnatori studenti Scuole Muggia, over65 e abbonati la Contrada : € 10,00
Giovani Platea: € 5,00
Poltrona Platea rid. Ragazzi (fino ai 26 anni): € 5,00 Ingresso Galleria: € 10,00
Operatori dello spettacolo € 5,00
Gli abbonati di Muggia Teatro potranno usufruire dello sconto Cral su biglietti e abbonamenti della stagione 2016/17 de la Contrada
LO SPETTACOLO RIENTRA NEI SEGUENTI ABBONAMENTI PLATEA
• GIALLO 19 Spettacoli
• ROSSO 14 Spettacoli
• VERDE 19 Spettacoli
• (giovani fino a 26 anni)
Cene al teatro Verdi : prenotazioni prima o dopo lo spettacolo Tel. 040 271155.

Hai bisogno di una guida turistica personale per visitare Trieste? Scrivici: info@informatrieste.eu

Almanacco News

You may also like...