Temperatura attuale: 24...........Temp. minima: 18...........Temp. massima: 24...........Umidità: 50%Normale ...........Vento direzione: ...........Vento intensità: - ...........Pressione: 1015 hPa

Addio a Jannis Kounellis, portò l’arte povera a Trieste

È morto a Roma Jannis Kounellis, maestro dell’arte povera, all’età di 80 anni. Nato al Pireo (Grecia) nel 1936, viveva e lavorava in Italia da quando aveva 20 anni

Jannis Kounellis Trieste

Ha studiato all’Accademia di Belle Arti sotto la guida di Toti Scialoja e ha esordito nel 1960 allestendo sempre a Roma la sua prima mostra personale alla galleria “La Tartaruga”. Jannis Kounellis nelle sue prime opere dipinge dei segni tipografici su sfondo chiaro. Risalgono al 1967 le prime mostre ideologicamente vicine al movimento dell’Arte Povera. Le sue installazioni diventano delle vere e proprie scenografie che occupano fisicamente la galleria e circondano lo spettatore rendendolo attore protagonista. Il coinvolgimento del pubblico diventa fondamentale per completare l’opera d’arte.Gli spazi iniziano anche a riempirsi di animali vivi. Nel 1969 l’installazione diviene vera e propria performance coi Cavalli legati alle pareti della galleria L’Attico di Fabio Sargentini. Il ruolo dell’artista è ridotto al minimo, quasi da uomo di fatica.

Negli anni Settanta Kounellis realizza la famosa porta chiusa con delle pietre presentata per la prima volta a San Benedetto del Tronto enel corso degli anni riproposta a Roma, Londra, Colonia.

Nel 1972 Kounellis partecipa per la prima volta alla Biennale di Venezia. Negli anni Ottanta gli animali vivi al posto di quelli imbalsamati, il fuoco diventa fuliggine… Nel 2002 ripropone l’installazione dei cavalli alla Whitechapel di Londra e, poco dopo, alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma costruisce un enorme labirinto di lamiera lungo il quale pone gli elementi tradizionali della sua arte, come le “carboniere”, le “cotoniere”, i sacchi di iuta e i cumuli di pietre (“Atto unico”).

Vai alla recensione di Maria Luisa Runti e la videointervista »

You may also like...