TAMBURI DI PACE 2.0 / BOBNI MIRU 2.0 (ESYO 2016)

tamburi-di-pace

Presentazione di »Tamburi di pace 2.0«
»Tamburi di pace 2.0« presentano quest’anno i paesaggi della nostra Europa, vissuti dal finestrino di un treno, con storie d’incontri, frontiere, esilio, guerre e paci, descritti dal racconto coinvolgente di Paolo Rumiz. L’Europa di ieri e di oggi raccontata dal suono e dall’interpretazione delle musiche proposte dai giovani musicisti, provenienti da paesi che tutt’ora subiscono le conseguenze di conflitti del recente passato, o addirittura, di conflitti tutt’ora in corso, ma dei qual poco sappiamo, e che le parole e la voce di Paolo Rumiz potranno aiutarci, almeno emotivamente, a comprendere.
Interpreti:
• Il giornalista e scrittore triestino, Paolo Rumiz in veste di solista, narratore dei propri testi
• L’orchestra “European Spirit of Youth Orchestra (ESYO)”, formata da ca. 60 giovani musicisti
selezionati nei vari paesi d’Europa e diretta da Igor Coretti Kuret
• Musiche sceniche di: Beethoven, Cajkovskij, Dvorak, Grieg, Lizst, Schubert, Strauss e Wagner
• Ideazione dello spettacolo »Tamburi di pace 2.0«: Paolo Rumiz e Igor Coretti Kuret
• Progetto realizzato dall’associazione culturale “Scuola per Giovani Musicisti” di Trieste in
collaborazione con il “Collegio del Mondo Unito dell’Adriatico” di Duino.

TAMBURI DI PACE / BOBNI MIRU 2.0

Rumizova in Kuretova skupna pobuda z mladinskim evropskim orkestrom ESYO se širi. Prvi koncert 13.julija v Trstu, 18.julija v Kopru

Nadaljuje se sodelovanje med tržaškim pisateljem in časnikarjem Paolom Rumizem ter mladinskim evropskim orkestrom, “European Spirit of Youth Orchestra (ESYO)”, ki ga vodi prav tako tržaški glasbenik Igor Coretti Kuret. Njun večletni projekt, ki nosi pomenljiv naslov “Tamburi di pace”, Bobni miru, bo letos še bogatejši, saj šteje kar šest koncertov, ki bodo potekali julija v naši Deželi, v Venetu, na Tridentinskem in v Sloveniji. Prvi bo v Trstu, sredo 13.julija, v ugledni “dvorani” na odprtem na Verdijevem trgu pred operno hišo ob Trgu zedinjenja Italije (trg Unita’).

V pomladnih mesecih je tržaški violinist in glasbeni pedagog na avdicijah, ki so potekale v raznih srednjeevropskih državah (v Makedoniji, Albaniji, Srbiji, Romuniji, Sloveniji in Italiji), zbral 60 mladih talentiranih glasbenikov, med 11. in 19. letom starosti, ki letos sestavljajo orkester ESYO. Mladi glasbeniki so se tokrat zbrali v Devinu, kjer intenzivno pripravljajo glasbeni program 2016. Tudi tokrat jih gosti kulturno društvo “Scuola per giovani musicisti”, ki je v Zavodu združenega sveta v Devinu, našel najprimernejšega patrtnerja za realizacijo projekta “Bobni miru 2.0”.

Tudi letos je ESYO, “najmlajši evropski orkester”, pripravil svojsko glasbeno kuliso za nov nastop – pričevanje Paola Rumiza v znamenju proslavljanj prve svetovne vojne in njene aktualizacije. Pod taktirko Igorja Corettija Kureta bo izvajal dela Elgarja, Schuberta, Beethovna, Bizeta, Bartoka, Griega, J.Straussa ml., Dvoraka in Wagnerja. “Bobni miru 2.0” uprizarjajo zgodbe o krajih naše Evrope, o srečanjih, mejah, eksilih, vojnah in miru, kot jih vidi iz okenca vlaka prizadeti potovalec in pripovedovalec Paolo Rumiz. Gre za Evropo od včeraj in danes, kot jo podoživljajo zvoki in intepretacija mladih glasbenikov iz držav, ki še danes občutijo posledice konfliktov iz nedavne preteklosti oz. konfliktov ki se še dogajajo. S tem smo vse premalo seznanjeni in Rumizovo razmišljanje, z glasbo mladih, nam bo lahko pomagalo pri našem razumevanju in sočustvovanju ob teh zgodbah.

Koledar koncertov je razgiban: poleg Trsta bo v naši deželi še 21.julija, v Pordenonu v gledališču Teatro Concordia. V bližnjem Kopru, v dvorani Sv. Frančiška Asiškega (gimnazija), bo 18.julija. Na Tridentinskem bo v kraju Pergine in Valsugana, v občinskem gledališču, 14.julija. V Venetu pa bo na prizoriščih velike vojne, 17.julija, v Val di Zoldo pri Bellunu v gorski koči Su’n paradis (1.730 m višine) in 19.julija, v Preganziolu pri Trevisu (Teatro Arena). Koprski koncert je nastal v sodelovanju in s prispevkom Občine Koper in Italijanske unije iz Kopra.

Koncerti so brezplačni in se pričenjajo ob 21.uri, z izjemo tistega v gorah, ko bo na sporedu ob 18.30. Podrobnejše informacije o skladbah, izvajalcih in programu izvirne ponudbe se dobi na spletni strani www.europeanspiritofyouthorchestra. it in na facebooku. Projekt za glasbeno rast in medkulturno povezovanje mladih, ki ga tržaški Slovenec Igor Kuret dosledno zasleduje že več desetletij, so podprli mnogi ugledni glasbeniki in njegovi mentorji (Yehudi Menuhin, Uto Ughi, Riccardo Muti). Lansko prvo izdajo Bobnov miru je nagradil tudi predsednik republike. Kdor želi, dobi na spletni strani ESYO navodila za sofinansiranje tega pomembnega kulturnega podviga.


La European Spirit of Youth Orchestra (ESYO) è un’orchestra giovanile, ideata, realizzata e diretta dal maestro Igor Coretti Kuret – premiato nel 2007 con la Medaglia d’Onore dell’Iniziativa Centro Europea (In.C.E.) – con il sostegno morale del celeberrimo violinista Lord YEHUDI MENUHIN.

Formata da musicisti tra gli 11 ed i 18 anni, selezionati annualmente in 21 Paesi europei, la ESYO ha visto crescere musicalmente ed umanamente, nell’arco di 22 anni di attività, oltre 2500 giovani musicisti delle diverse regioni del Centro, dell’Est e del Sud-Est Europa. Ha tra gli scopi principali la promozione della cooperazione culturale e dell’integrazione europea.

La preparazione dei ragazzi viene svolta nei brevi periodi di prove intensive che precedono i due principali tour di concerti (estivo ed invernale) ed è curata da docenti esperti, professori d’orchestra delle migliori orchestre europee.

Frutto di diverse esperienze didattiche ed umane, la ESYO si è esibita sotto l’Alto Patrocinio della Commissione UE, del Parlamento Europeo, dell’In.C.E. e della Presidenza della Repubblica Italiana e, in due occasioni, davanti ai Capi di Governo dei Paesi Membri dell’In.C.E.

Tra gli altri scopi della ESYO c’è la promozione delle migliori promesse del concertismo internazionale, alle quali viene offerta la possibilità di esibirsi anche in qualità di solisti. Va rimarcato, inoltre, che alcuni dei giovani musicisti, in passato membri dell’Orchestra, fanno oggi parte di prestigiose orchestre europee ed americane.

Il violinista Uto Ughi ha descritto l’orchestra con le seguenti parole: ”Un progetto musicale formativo di alto contenuto artistico che reputo unico nel panorama musicale europeo. Una straordinaria realtà, senza eguali nel panorama delle orchestre giovanili in termini di qualità, maturità artistica, professionalità e capacità di esecuzione.”

Più di 200 le esibizioni in concerto della ESYO in Italia ed in altri 13 paesi europei, insieme a solisti di fama internazionale quali Uto Ughi, Giovanni Angeleri o Ernö Kallai, eseguiti nelle sale di teatri prestigiosi e nei luoghi non prettamente convenzionali.

Il valore artistico e lo spirito europeo della ESYO sono stati riconosciuti anche dal Maestro Riccardo Muti, che l’ha invitata ad affiancare la sua Orchestra Giovanile “Luigi Cherubini” ed i musicisti di altre prestigiose orchestre nell’esecuzione del Requiem di Verdi nel concerto di “Le Vie dell’Amicizia” – Requiem per le vittime di tutte le guerre, da lui diretto a Redipuglia, alla presenza dei Capi di Stato di Austria, Croazia, Italia e Slovenia, in occasione delle commemorazioni del Centenario della Grande Guerra (nel 2014).

Con il progetto pluriennale “Tamburi di pace”, iniziato nel 2015 ed al quale è stata conferita la Medaglia del Presidente della Repubblica, l’orchestra continuerà ad accompagnare in veste di »solista«, il giornalista e scrittore Paolo Rumiz, narratore di eventi storicamente lontani, ma anche di grande attualità, arricchiti da riflessioni e da testimonianze personali raccolte durante i suoi viaggi che ci permettono di capire la complessità dell’anima europea.

M° IGOR CORETTI – KURET

Violinista e direttore d’orchestra, affermato in campo internazionale, é conosciuto per la grandissima capacità comunicativa con i giovani. Il suo nome è legato all’orchestra giovanile “European Spirit of Youth Orchestra”, formata da giovani musicisti tra gli 11 ed i 18 anni, esempio d’eccellenza musicale e d’incontro intercultuale tra i giovani. Depositario di quella cultura musicale che ha caratterizzato l’Europa Centrale nel scorso secolo, Igor Coretti Kuret è nato a Trieste, città mitteleuropea ed importantissimo crocevia culturale.

Dopo l’ottenimento del diploma in violino presso il Conservatorio di musica di Trieste ed una breve ma importantissima esperienza formativa con l’Orchestra Giovanile Italiana, diretta dal M° Riccardo Muti, Coretti decide di trasferirsi in Germania per perfezionarsi con i violinisti Friedrich von Hausegger , Emanuel Hurwitz e Werner Scholz. Successivamente, in occasione del congresso internazionale dell’ESTA – European String Teachers Association, svoltosi nel 1989 in Inghilterra, Coretti viene presentato ai violinisti Max Rostal e Yehudi Menuhin che decidono di offrirgli il loro sostegno personale e quello istituzionale dell’ESTA.

Con questo importantissimo atto di fiducia, si conclude il periodo dell’apprendimento e della formazione ed inizia, dopo il ritorno a casa in Italia, ad ideare e realizzare le tantissime iniziative, rivolte alla formazione di giovani musicisti, tra queste si annoverano la “Scuola Estiva Internazionale per Giovani Musicisti – Max Rostal” ed il convegno internazionale “1992 – l’educazione musicale in Italia a confronto con l’Europa”. Spicca tra tutte, per importanza e per gli effetti che ancora produce, l’orchestra sinfonica dei giovani musicisti europei, conosciuta oggi con il nome “European Spirit of Youth Orchestra (ESYO)”, che con il progetto “Tamburi di pace”, ideato insieme al giornalista e scrittore Paolo Rumiz, ha ottenuto la Medaglia del Presidente della Repubblica.

Lo spirito europeista che caratterizza i progetti da lui ideati è stato più volte riconosciuto dalle massime istituzioni europee, come la Commissione alla Cultura dell’Unione Europea e la Presidenza del Parlamento Europeo, e nel 2008, gli è stata anche conferita la Medaglia d’Onore dell’Iniziativa Centro Europea, per i servizi resi con l’orchestra giovanile da lui ideata e creata. Inoltre, è risultato vincitore al concorso, indetto dall’Istituto Internazionale per il Management Culturale di Salisburgo, presentando un ampio progetto di collaborazione internazionale nel campo musicale.

Attualmente, cura la direzione artistica del Progetto “European Spirit of Youth Orchestra” e del Concorso Internazionale “Gianluca Campochiaro” ed è invitato a dirigere alcune orchestre sinfoniche europee, a tenere corsi di perfezionamento e seminari per docenti di violino e di musica d’insieme e a presiedere le giurie dei concorsi internazionali per giovani violinisti, sia in Italia che all’estero.

Hai bisogno di una guida turistica personale per visitare Trieste? Scrivici: info@informatrieste.eu

Almanacco News

You may also like...