Pallamano: in casa dello Jadran l’Alabarda Opicina gioca alla pari

Antonio-Camarda

Agli sloveni il test-match (36-27 il punteggio). Ottima prestazione a Hrpelje per gli uomini di coach Laurini, nella ripresa sotto anche di sole 3 reti
Prestazione più che convincente per l’Alabarda Onoranze Funebri Opicina nel test d’oltreconfine. Marchionni e compagni tengono testa ai più quotati sloveni dello Jadran Hrpelje-Kozina (attesi mercoledì prossimo dalla prestigiosa sfida con il Lasko Pivovarna Celje in Coppa di Slovenia) per trequarti di gara, per poi cedere solamente nel finale sul punteggio di 36-27; il tutto con un distacco al di sotto della doppia cifra. Nelle precedenti quattro sfide, infatti, gli sloveni si erano imposti rispettivamente con i seguenti distacchi: +14 (3 dicembre 2015), +18 (19 gennaio 2015), +14 (30 gennaio 2015), +16 (28 settembre 2015).

Per quanto concerne la cronaca, la contesa inizia con un primo strappo dei padroni di casa (3-0). L’Alabarda poco dopo si sblocca in attacco, tamponando l’iniziale sortita dello Jadran. Una rete di Varesano porta i triestini ad una sola lunghezza (8-7). L’Alabarda resta a contatto in maniera prolungata: 9-8, 11-10, 12-11, 15-12 la progressione del punteggio nella parte centrale della prima frazione. Sugli scudi in fase offensiva il duo Varesano – Muran, mentre in difesa a recitare il ruolo di attore protagonista è il portiere Camarda. Prima frazione, va detto, che sin conclude con un parziale di 3-0 di marca slovena (18-13 il punteggio alla sirena di metà gara).
La ripresa inizia con uno Jadran Hrpelje-Kozina determinato ad allungare ulteriormente nel punteggio. Gli sloveni passano alla difesa 4-2, ma l’Alabarda riesce sistematicamente ad eludere il pressing, trovando i gol soprattutto dalla catena di destra Van Den Dungen (terzino) – Perini (ala). L’Alabarda si riporta sotto, toccando il -3 (21-18 il parziale). Sino al minuto 45 i triestini non vanno mai sotto le cinque reti di distacco, grazie soprattutto ad una fase difensiva eccellente. Solamente nel finale lo Jadran scappa definitivamente toccando anche il +10.

«Sono molto soddisfatto della prova offerta dalla squadra sul parquet di Hrpelje – il commento del tecnico Roberto Laurini -. La squadra ha fornito risposte positive sia sotto il profilo tecnico, ma soprattutto sotto l’aspetto atletico, contro un avversario in salute». Da segnalare anche il rientro in campo del terzino classe 1992 Gabriele Cosoli, ai box da quest’estate per una sfortunata lussazione alla spalla sinistra.

RK JADRAN HRPELJE KOZINA – ALABARDA ON. FUNEBRI OPICINA 36-27 (p.t. 18-13)
ALABARDA ONORANZE FUNEBRI OPICINA: Camarda, Benvenuti, Ciriello 2, Cosoli, De Sanctis 1, Gaggero 1, Marchionni 3, Muran 3, Perini 2, Rongione 1, Scomina, Varesano 9, Van Den Dungen 5. All. Laurini

Hai bisogno di una guida turistica personale per visitare Trieste? Scrivici: info@informatrieste.eu

Almanacco News

You may also like...