Circolo del Jazz Thelonious, presentazione della Stagione 2015-2016

amir_elsaffar

Una decina sono gli appuntamenti che andranno a comporre la stagione 2015/2016 del Circolo del Jazz Thelonious di Trieste che si aprirà martedì 17 novembre. Come sottolineato dal presidente Enrico Malusà nel corso della conferenza stampa, si tratta di una stagione che deve fare i conti con gravi ristrettezze economiche che hanno messo in forse il prosieguo stesso dell’attività. Un programma un po’ ristretto rispetto al passato ma in ogni caso di ottimo livello. Vogliamo comunque pensare che si tratti di un programma aperto, e ci auguriamo che il tesseramento, una delle nostre principali forme di finanziamento, ci permetta di riuscire ad aggiungere delle date nel corso della stagione.

Quest’anno l’attività si svolgerà tra la Casa della Musica ed il Knulp e tutte le serate avranno inizio alle ore 21.

Si inizia martedì 17 novembre al Knulp con il trio Bee Brain, formazione guidata dallo statunitense Henry Cook, sassofonista e flautista che ha inciso con alcuni tra i piu’ grandi musicisti afroamericani come John Tchicai, Bob Moses, Don Moye e Frank Lacy. La ritmica che da forma al Trio è composta da Roberto Raciti al contrabbasso ed Ermanno Baron alla batteria con i quali Cook da vita ad una formazione atipica ed originale di matrice certamente jazz ma con influenze Afro, blues e funk, capace di spaziare dai groove ethiojazz ai ritmi caraibici passando per l’improvvisazione estemporania ed il jazz di Eric Dolphy. Per l’occasione sara’ presentato il loro primo disco intitolato Honey.

Martedì 24 novembre presso l’auditorium della Casa della Musica saranno di scena gli Hyper+, trio legato a nusica.org, associazione ed etichetta open source la cui filosofia è quella di presentare progetti di musica innovativa e oltre jazzistica. I tre protagonisti già ospiti nel passato, Nicola Fazzini, Alessandro Fedrigo e Luca Colussi, saranno affiancati dal trombettista americano di origine irachena Amir ElSaffar. Amir rappresenta al meglio quanto offre attualmente la scena jazzistica newyorkese. Vanta collaborazioni importanti con Marc Ribot, Cecil Taylor, Don Byron, Vijay Iyer, Rudresh Mahanthappa e molti altri.

La settimana seguente, l’8 dicembre sempre alla Casa della Musica arriva uno dei grandi nomi del jazz contemporaneo americano impegnato in un piano solo: Dave Burrell. Portatore di un pianismo dinamico con echi blues e gospel, e che si richiama alla tradizione di Jelly Roll Morton, James P. Johnson e Duke Ellington e all’avanguardia di Thelonious Monk e John Coltrane, Burrell ha collaborato nel corso della sua lunga carriera con musicisti quali Archie Shepp, William Parker, Pharoah Sanders, David Murray, Marion Brown.

Per l’ultimo concerto per il 2015 previsto per martedì 15 dicembre al Knulp, ritornerà il chitarrista triestino Andrea Massaria in un progetto che lo vedrà affiancato da un batterista di eccezione come Bruce Ditmas. Ditmas sin da giovane ha suonato con cantanti come Judy Garland, Sheila Jordan, Barbra Streisand, e negli anni ’70 è diventato un esponente di spicco del jazz newyorkese suonando con Jaco Pastorius, Paul Bley, Pat Metheny, Steve Kuhn e soprattutto con l’orchestra di Gil Evans dove è presente in alcune incisioni, che costituiscono pietre miliari nella storia del jazz. Il progetto sarà ispirato alla musica di Carla Bley.

Per il 2016 abbiamo momentaneamente previsto un’unica data per l’8 marzo quando al Knulp sarà ospite il Lorenzo Capello Trio. Batterista ligure, Capello ha suonato con alcuni dei più importanti artisti della scena musicale italiana ed internazionale: Ben Riley, Ettore Fioravanti, Fabrizio Sferra, Claudio Fasoli, Stefano Battaglia, Paolo Birro, Franco D’Andrea, Enrico Rava, Paolino DallaPorta, Roberto Gatto, Adam Nussbaum, Ben Perowsky, Eric Harland, , Anders Jo rmin, Gianluigi Trovesi, Tim Berne, Ben Allison. Presenterà Dagli Appendini alle Ante, un disco uscito l’anno passato, ed è un concept album ambientato in….un armadio.

Accanto ai concerti, e non di minor importanza, ritorneranno anche quest’anno le jam session organizzate in collaborazione con la Scuola di Jazz del Conservatorio di Musica „G. Tartini“. Sono previsti cinque appuntamenti.

Info: 320-0480460 / www.thelonious-trieste.com / thelonious.trieste@gmail.com

Bruce Ditmas

Bruce Ditmas

Bee Brain

Bee Brain

Dave Burrell

Dave Burrell

manifesto 2015-16

manifesto 2015-16

Hai bisogno di una guida turistica personale per visitare Trieste? Scrivici: info@informatrieste.eu

Almanacco News

You may also like...