10 ottobre Undicesima Giornata del Contemporaneo AMACI allo Studio Tommaseo

breda bebanchap

Undicesima Giornata del Contemporaneo AMACI
ZIPPED WORLDS
“I confini dello spazio pubblico”
tre visite guidate con la curatrice Giuliana Carbi

Trieste, Studio Tommaseo, via del Monte 2/1
sabato 10 ottobre 2015
alle 17, 18 e 19

Trieste Contemporanea aderisce anche quest’anno alla Giornata del Contemporaneo AMACI e in occasione dell’undicesima edizione, sabato 10 ottobre, dedica un pomeriggio di approfondimento e visite guidate alla mostra Zipped Worlds realizzate dalla curatrice Giuliana Carbi.
L’iniziativa è ad ingresso libero.

Zipped Worlds è un progetto biennale italo-sloveno realizzato da Trieste Contemporanea in partenariato con il Photon – Centre for Contemporary Photography di Lubiana in cui i curatori esplorano alcuni nuovi concetti di pubblico e privato che vengono veicolati attraverso l’uso attuale delle immagini fotografiche.
A Trieste, nell’anno del ventennale di Trieste Contemporanea (1995-2015), i curatori Giuliana Carbi e Dejan Sluga affrontano il mescolarsi di privato e di pubblico messo in campo dalle immagini degli artisti Breda Beban, Dario Belić, Emma Ciceri, Fabrizio Giraldi, G.R.A.M., Borut Krajnc, Paula Muhr, Adrian Paci, Eva Petrič & Laurent Ziegler e Metka Zupanič.
A tema è il cosiddetto “spazio pubblico” – nozione che è molto cambiata solo di recente – con il quale la fotografia si relaziona per presenza fisica diretta, attraverso i media digitali e soprattutto tramite l’idea che tutto ciò che ci circonda è costantemente in fase di registrazione. La fotografia è di fatto il mezzo visivo presente in modo più ubiquo nel contesto urbano odierno. All’interno di questo ampio spettro, troviamo nello spazio pubblico (esterni e interni urbani) sia forme tradizionali di immagini fotografiche, sia immagini digitali che popolano l’onnipresente rete di telecamere di sorveglianza che registrano non-stop. Noi siamo la popolazione più fotografata e registrata al mondo. Sistemi TVCC, Google Street View, sistemi di sicurezza, sistemi satellitari e altre telecamere seguono ogni passo che facciamo, il che significa che siamo anche la popolazione più controllata visivamente di tutti i tempi… Inoltre la maggior parte di noi ha dispositivi di telefonia mobile e fotocamere digitali: paradossalmente insistiamo sul nostro diritto alla privacy e allo stesso tempo facciamo snap-shooting di tutto ciò che vediamo. Da una parte, vi è il desiderio di catturare frammenti di vita quotidiana in immagini e, d’altra parte, vi è sempre maggiore inclinazione a censurare ed esercitare controllo sulle medesime immagini. (Dejan Sluga, dal catalogo della mostra)

La Giornata del Contemporaneo AMACI propone il 10 ottobre 2015 una ricchissima serie di iniziative d’arte contemporanea sull’intero territorio nazionale.
Anche quest’anno la Giornata si avvale del sostegno dell’AAP – Direzione generale Arte e architettura contemporanee e periferie urbane del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Nella foto: Breda Beban, Airport Chapels, 2003 (courtesy gli eredi dell’artista e Kalfayan Galleries, Athens – Thessaloniki)

Almanacco News

You may also like...