Vendemmia eccezionale per l’azienda agricola Jermann

grappolo uva vigneto jermann

Vendemmia eccezionale: Jermann si prepara a emozionare con i suoi nuovi vini

Edi Clementin, direttore dell’azienda agricola: “Prevediamo una produzione eccezionale dal punto di vista qualitativo e quantitativo

Si prospetta un’annata eccezionale per i vini Jermann. La storica azienda agricola, con sede nella frazione di Villanova del Comune di Farra d’Isonzo (Gorizia) e il ‘cuore’ nella cantina di Ruttars, tra i vigneti del rinomato Collio, ha vissuto un periodo di vendemmia fra le migliori degli ultimi tempi. “L’uva sui nostri filari – commenta Edi Clementin, direttore dell’azienda – è davvero eccezionale e prevediamo una produzione ottima sia dal punto di vista qualitativo, sia quantitativo, come non si vedeva da molti anni”.
Grazie a un’estate calda e al microclima ideale, i 160 ettari coltivati a vigneto sono pronti ad assicurare prodotti unici, capaci di trasmettere emozioni in ogni calice. I vini Jermann, prodotti di alta gamma, spiccano per qualità riconosciuta non soltanto a livello locale, ma anche su scala internazionale. Tra le etichette più rinomate tra i bianchi, un posto di rilievo è rivestito dal “Dreams”, prodotto da uve Chardonnay e affinato per 11 mesi in botti piccole da 300 litri di rovere francese. Un vino che va verso i suoi primi tre decenni (la prima vendemmia risale al 1987), dotato di sfumature aromatiche ricche e persistenti.
Incontra i favori del pubblico anche il “Vintage Tunina”, prodotto con uve Sauvignon, Chardonnay, Ribolla Gialla, Malvasia Istriana e Picolit. È dotato di sapore asciutto, morbido, molto armonico, con persistenza eccezionale, dovuta al corpo particolarmente pieno.
Molte qualità anche per i vini rossi, con tre etichette a catalogo: si tratta di Red Angel, Blau & Blau e Pignacolusse, con quest’ultimo legato all’uva Pignola, antico vitigno che, da sempre, incontra l’apprezzamento di ogni palato.
Grande attesa, dunque, per la vendemmia di Jermann, attiva in Friuli Venezia Giulia fin dal 1881, quando il capostipite Anton arriva in questa regione per continuare l’attività vitivinicola precedentemente intrapresa in Austria e Slovenia. Nel tempo, l’azienda ha saputo crescere e svilupparsi, tanto da guadagnare numerosi attestati di apprezzamento sia tra gli esperti del settore, sia tra i consumatori finali. Tante emozioni nei calici, dunque, grazie alla vendemmia Jermann, suggestioni da ritrovare a ogni sorsata dei nuovi vini…

Almanacco News

You may also like...