OGS: Summer School – Crescita blu e cooperazione paesi Mediterraneo e Mar Nero

summer school OGS Trieste

Dal 20 al 24 luglio a Trieste

CRESCITA BLU E COOPERAZIONE
TRA I PAESI DEL MEDITERRANEO E DEL MAR NERO

Summer School Sustainable Blue Growth in Mediterranean and Black Sea Countries

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (OGS) organizza a Trieste dal 20 al 24 luglio la Summer School Sustainable Blue Growth in Mediterranean and Black Sea Countries.
“Si tratta di un’iniziativa di alta formazione, in materia di oceanografia e scienze del mare, per promuovere uno sviluppo economico sostenibile e una crescita blu responsabile” spiega Maria Cristina Pedicchio, presidente di OGS.
La Summer School è in linea con la Blue Growth Initiative, strategia dell’Unione Europea che riconosce nei mari e negli oceani un motore per la crescita economica e sociale del continente, e vuole formare una nuova generazione di scienziati capaci di affrontare le nuove sfide climatiche, economiche e ambientali. Offrire infatti adeguate opportunità di formazione rappresenta un tassello importante di questa strategia.

La scuola si svolge nell’Adriatico Guesthouse Building del Centro Internazionale di Fisica Teorica, a Grignano, e si rivolge a più di 40 ricercatori, scienziati e manager di istituzioni, università e centri di ricerca dei Paesi del Mediterraneo e del Mar Nero: Albania, Algeria, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Egitto, Grecia, Israele, Italia, Malta, Montenegro, Palestina, Portogallo, Romania, Serbia, Spagna, Tunisia, Turchia e Ucraina.

“L’obiettivo principale è quello di incrementare le capacità professionali e la qualità della ricerca per lo studio e la salvaguardia dell’ambiente marino e la gestione integrata delle aree costiere” aggiunge Pedicchio. “Vogliamo investire nella formazione multidisciplinare dei futuri ricercatori, per favorire l’innovazione e la crescita del nostro Paese e di quelli che ci circondano, per creare una rete di collaborazione” prosegue.
La Summer School rappresenta infatti un tassello importante di un programma più generale che vuole sostenere lo sviluppo economico e la crescita, anche migliorando le collaborazioni tra l’Italia e gli altri Paesi del Mediterraneo.

“La scuola è organizzata infatti nell’ambito delle attività dell’iniziativa euro-mediterranea Dialogo 5+5, che mira a rafforzare la cooperazione nell’ambito di scienza e tecnologia, innovazione e alta formazione, tra Italia, Francia, Spagna, Portogallo, Malta, Algeria, Tunisia, Marocco, Libia e Mauritania e l’Unione per il Mediterraneo (UfM)” precisa Mounir Ghribi, direttore della summer school e responsabile delle attività di cooperazione internazionale dell’OGS. “La ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini, ha individuato nella summer school di OGS una delle iniziative a sostegno della formazione nell’ambito delle attività del programma 5+5 ” conclude.

La summer school è organizzata da OGS in collaborazione con il Centro Internazionale di Fisica Teorica “Abdus Salam” (ICTP), l’Iniziativa Centro Europea, l’Università degli Studi di Trieste e l’Università degli Studi di Udine. La scuola gode inoltre del patrocinio della Regione Friuli Venezia Giulia ed è sponsorizzata dal progetto Ritmare, uno dei progetti bandiera del Programma Nazionale della Ricerca finanziato dal Miur, mentre l’Iniziativa Centro Europea sovvenziona alcune borse di studio ai partecipanti.

Programma della scuola:

Lunedì 20 luglio: Cambiamenti climatici e la crisi delle risorse idriche
Alla cerimonia di apertura segue un’introduzione generale sull’economia del mare e la protezione degli ecosistemi. Si affronta il problema dei cambiamenti climatici e della scarsità dell’acqua nei Paesi del Mediterraneo.

Martedì 21 luglio: Oceanografia operativa e benefici socio-economici
La giornata è dedicata all’oceanografia operativa con un focus sui benefici sociali, economici e le nuove tecnologie per lo studio degli ecosistemi marini.

Mercoledì 22 luglio: Vista didattica alla laguna di Grado Marano
Visita didattica alla laguna di Grado Marano.

Giovedì 23 luglio: Uso sostenibile delle risorse marine, politiche, piani e strategie marine
La giornata è dedicata alla sostenibilità, alle strategie nazionali, regionali ed europee.

Venerdì 24 luglio: Inquinamento del mare, danni all’ambiente e alla salute e traffico marittimo
La giornata è dedicata all’inquinamento marino causato da vari forme di attività antropiche come il traffico marittimo, il versamento in mare di idrocarburi, ecc.

Almanacco News

You may also like...