Dizionario triestino-italiano

… per il dizionario italiano-triestino clicca qui »

A
Amolo = tipo di prugna
Apalto = Tabacchino
Apoteca = Farmacia
Ara = diminutivo di ‘varda’ che significa guarda
Armelin = albicocca
Armer, armeron = armadio
Articioco = carciofo
Asedo = aceto

B
Baba = donna (specie donna chiacchierona)
Bacolo = scarafaggio
Bagolar = girare nei paraggi
Bandaio = Lattoniere
Barbuz = barbetta, barba appena accentuata
Bartuela = cerniera, cardine
Bavariol = bavagliolo
Bavisela = brezza
Bazilar = compiere un lavoro molto impegnativo, trafficare
Baziloto = persona che si impegna nei lavori e non si arrende mai
Becher = Macellaio
Bever = bere
Biava = avena (anche raffica di percosse)
Bicer = bicchiere
Bieco = pezza
Bigolo = piccolo cilindro di pasta o materiale malleabile
Bisi = piselli
Bisi spacai = piselli secchi
Blede = bieta da taglio
Boba = cibo, sbobba ma anche ragazzaccio attaccabrighe (boba marza)
Boìr = bollire
Bobici = mais
Bonfo = grasso, ciccione
Bonora, bonorivo = di primo mattino, mattiniero
Boro = soldo
Bota = botte
Braghe = pantaloni
Brazo, brazar = braccio, abbracciare (che Dio te brazi l’anima)
Brivez = Barbiere
Bronza = tizzone (bronza coverta=tizzone coperto, uno che sembra tranquillo ma non lo è)
Brusar = bruciare
Bubez = Apprendista, aiutante, garzone
Bucal = vaso da notte
Bucalon = donna rozza e sciatta
Bugia = barile per i trucioli
Buiol = pentolino per bollire
Buligar = Muoversi caoticamente oppure emettere un brontolio
Bumba = bevanda generalmente alcolica, di bassa qualità
Bunigolo = ombelico
Bus, buso = buco

C
Cadin = catino
Cagheta = fighetto
Cago = paura
Cagoia = chiocciola, lumaca
Calafata = Operaio che rivestiva l’interno dello scafo delle navi
Caldiera = pentolone di rame per fare la polenta
Caligher/Suster = Calzolaio
Caligo = foschia, nebbia
Calipar = fumare accanitamente
Canon = carcere (specie il Coroneo di Trieste)
Capel de paia = cappello di paglia
Capo = caffè macchiato
Capo in B = caffè macchiato in bicchiere
Capuzzo = cappuccio verde
Carega, careghin = seggiola, seggiolino
Carigo = carico, oppure ubriaco
Cazabubole = imbonitore, impostore
Cazavide = cacciavite
Caziul, caziola = cazzuola
Cheba = gabbia
Ciacole = chiacchiere
Ciapar = prendere, afferrare
Ciapar color = rosolare
Cichera = tazzina oppure elegante (parlar e vestirse in cichera)
Ciodo = chiodo
Cior = prendere (per portare), anche acquistare
Clanfa = oggetto metallico piegato a U (clanfa de caval)
Clanfer = Bandaio
Clanfeta = graffetta
Clanz = stradina di campagna
Cluca, Kluca = buco della serratura
Cocal = gabbiano
Cocolo = simpatico
Cofe, Kofe, Kofemberg = pazzo furioso
Cogolo = sasso
Cogoma = caffettiera
Coltrina = tenda pesante
Comiada = gomitata
Comio = gomito
Condoto = gabinetto (anche chiasso, schiamazzi)
Conza, Conzàr = condimento, condire
Conzalastre = Vetraio
Copar = uccidere
Copin = parte posteriore del collo
Copo = tegola
Corame = cuoio
Cortel = coltello
Coto = prosciutto cotto
Cotola = gonna
Covercio = coperchio
Covertor = coperta pesante o copriletto
Cragna = accumulo di sporcizia
Cragno = tipo di salsiccia
Cren, kren = rafano
Crepi = piatti
Criel = scolapasta
Crodiga = cotica (s.fig. Vecia crodiga = vecchiaccia)
Crodighin = cotechino
Crostolo = tipico dolce in sfoglia sottile, fritto, con zucchero a velo
Cucar = sbirciare
Cucer/Safer = Autista
Cucherle = spioncino
Cuciar = cucchiaio
Cucumeri = cetrioli
Cucuruz = granoturco
Cugno = cuneo oppure persona che intralcia
Cuna = culla

D
Datolo = dattero
Deca = caffè decaffeinato (anche decagrammo)
Disbratar = sparecchiare
Disbulnir = disgorgare, disotturare
Disfà = rotto
Disfredìr = raffreddare
Disfrizer = soffriggere
Disgropar = sciogliere il nodo
Dismissiar = svegliare
Distirà = disteso
Distrigar = mettere in ordine (anche mangiare velocemente)
Doprar = adoperare
Dorada = tipo di tuffo

E
El Gua = Arrotino
Erbeta = barbabietola

F
Falisca = scintilla
Falopa = fallimento
Famea, fameia = famiglia
Farsora = padella per friggere
Fasoi = Fagioli
Fiepa = seme della zucca o del melone
Finocio, fenocio = finocchio
Fio, fia, fioi = figlio, figlia, figli
Flocia = bugia
Folpo = polipo
Fora = fuori
Fora per fora = da una parte all’altra
Foravia (de foravia) = al di fuori dei canali ufficiali
Forfe = forbici
Formenton = mais
Formigola = formica
Fracar = premere
Fraco = sacco di legnate
Fradel = fratello
Fraiar, fraia = far bagordi, bagordi
Fregola, Mingola = briciola
Fritaia, fortaia = frittata di uova
Fritole = frittelle tipiche del periodo di Carnevale
Frizer = friggere
Fufignez = imbroglio
Fulminanti = fiammiferi
Futizar = elaborare grossolanamente un dispositivo per migliorarne le caratteristiche

G
Gamela = gavetta
Garbo = acido
Garusa = chiocciola di mare (commestibile)
Gnagno = persona che parla con ridicola voce nasale
Gnagnolo, gnampolo = stupidino, ingenuo
Gnora = nuora
Gorna = grondaia
Governar = riparare
Gradela = griglia
Graia, graja = cespuglio
Grampar, gramparse = afferrare, aggrapparsi
Gran = acino di uva, anche chicca in genere es. di mais
Granfo = crampo
Granzoporo = granciporro , oppure persona bislacca
Grata = grattugia
Grego = greco (tu mare grega = tua madre greca, ironico)
Grembano = zona boschiva o paludosa impervia (anche ’scemo’)
Gropo = nodo (gropo dele spighete = nodo dei lacci delle scarpe)

I
Imbaiocar = infilare
Imborezar = eccitare
Imbulnir = riempire otturando
Impeverar = pepare
Impinir = riempire
Impizar = accendere
Incocalì = inebetito (da cocal, gabbiano)
Incoverciar = mettere un coperchio alla pentola
Incrosar = incrociare
Indormenzà = addormentato
Infinfolar = imbrogliare
Inscartozar = mettere nel sacchetto (di carta)
Instalador = Idraulico
Intimele = federe
Inverigolar = legare in modo caotico
Involtizar = avvolgere
Inzumbar = inzuppare, irrorare, intingere

L
Lasco = allentato
Lavandera = Lavandaia
Lavar i crepi = lavare i piatti
Lavarno = alloro
Levar = lievitare
Levar el boio = far prendere il bollore
Linzioi = lenzuola
Lissia = bucato
Lofio = di scarsa qualità
Loica = tiritera, nenia, predica
Ludame, ludamer = letame, letamaio
Ludro = otre (o persona che mangia esageratamente)
Luganiga = salsiccia

M
Malora = miseria, disgrazia (tip.: “va in malora!”)
Marangon = Falegname
Mare = madre
Masinar = macinare
Mastruzar = stropicciare
Matavilz = valerianella
Mato = uomo
Mauco = il compagno di una donna (ironico)
Memele = cacca
Menar = guidare
Mendaressa = Rammendatrice
Menola, minudaia = pesce molto piccolo in genere
Mescola = mestolo di legno
Meter in smoio = lasciare a bagno
Mingola, fregola = briciola
Missiar = mescolare
Missiot, missioto = mescolanza
Mistro = Mastro
Molena = mollica
Mona = organo sessuale femminile ma anche ’stupido’
Moniga = monaca, suora
Morca = scorie, residuo da buttare
Mulo, mula = ragazzo, ragazza
Mus = asino

N
Nagana = bullo
Naranze = arance
Nero = caffè liscio
Netar = pulire
Nevodo = nipote
Nezar = scartare, togliere l’involucro rovinando l’aspetto
Nonzolo = sacrestano

O
Ociar = gettare uno sguardo
Ocio = occhio
Oio = olio
Onto, ontolado = unto
Orpo, orca = esclamazione come ‘accidenti’
Osmiza = locale del Carso dove si trova il vino e i prodotti tipici
Ostrega = ostrica
Ovo duro = uovo sodo

P
Paiazo = pagliaccio
Paion, pajon = letto (deriva da letto di paglia)
Panocia, pagnoca = pannocchia di granoturco
Papuzar = camminare in ciabatte ma soprattutto andare via
Papuze = ciabatte
Parangal = paranco
Pare = padre
Parecio = servizio di piatti
Pastrocio, pastrocion = scarabocchio, pasticcione
Pec/Pek = Panettiere
Pedocio = pidocchio, cozza
Persigo = pesca (frutto)
Persuto, parsuto = prosciutto
Pestel = mortaio
Pesterna = Bambinaia Baby Sitter
Petes = vino di scarsa qualità, generalmente sfuso
Peteson, peteser = ubriacone, alcolizzato
Pevere = pepe
Peveroni = peperoni
Piadina = insalatiera, zuppiera
Pianzer, pianzoto = piangere, piagnucolone
Picapiere = Scalpellino
Picar = pendere
Piegora = pecora
Pignata = pentola
Pindolar = non fare niente, temporeggiare
Pindolon = penzoloni
Pipiu, cago = paura
Piria = imbuto
Pirola = pillola
Piron = forchetta
Pissin = pipì
Pissiol/Piziol = ceci
Pitima = persona lamentosa
Pitocador = accattone, approfittatore
Pomo = mela
Pomo granà = melograno
Porzina = carne di maiale lessata
Prontar = preparare
Putel = giovanotto

R
Radicio = radicchio triestino zuccherino
Raspo = grappolo (di uva)
Rave = rape
Rebechin = merenda, spuntino
Rente = vicino a
Rizonzer (anche Slongar) = aggiungere liquido o condimento
Rochel = rocchetto
Rodela = rotellina per tagliare la pasta
Ronchisar = russare
Rucar = trainare, tirare
Russar = grattare, strofinare
Ruzine, ruzinì = ruggine, arrugginito

S
Safer = conducente
Sèsola = cucchiaio in metallo per estrarre legumi o cereali dai sacchi
Scagno = sgabello
Scalin = gradino
Scalogna = sfortuna
Scapolar = divincolarsi, evadere (anche figurato)
Scartaza = spazzola
Scartavetrar = carteggiare
Scartozo = sacchetto di carta
S’cipolar = pizzicare la pelle
S’ciumadora = mestolo forato
Sariese = ciliegie
Sbecolar = piluccare, assaggiare
Sbiego = obliquo, obliquamente
Sbisigar = armeggiare qualcosa con insistenza
Sbregar = rompere sfilacciando
Sbrenado = estremamente vivace, sempre in movimento
Sbriso = trasandato, poco elegante
Sbrissar = scivolare
Sbrodez = brodaglia
Sbrovar = scottare
Sbrufador = anaffiatoio
Sburtar = spingere
Scafa = lavabo/acquaio
Scagaz = chiasso, far rumore anche sporcando e mettendo disordine
Scaio = ascella
Scavezar = rovinare un oggetto esercitando forte trazione ad impulsi
S’cenza = scheggia
S’ciafa = schiaffo
Scoio = scoglio
Sconder, sconderse = nascondere, nascondersi
Sconto, scondon = nascosto, di nascosto
Scotar = dare una prima cottura a fiamma viva
Scovaze = spazzatura, pattume
Scovazin = spazzino
Scovercià, scoverciado = senza coperchio (anche matto, pazzerello)
Scric, scrik = stiramento muscolare
Scuri = infissi
Scuria = frusta
Scurlar = scuotere, sgrollare
Scurtar = accorciare
Scurton = pezzo di spago
Secel = secchiello
Selino = sedano
Sfregolar = sbriciolare
Sgaio = in gamba
Sgionfo = gonfio
Sgnesola = mezza tacca, piccolo e insignificante
Sgrafar = graffiare, oppure rubare con destrezza
Sina = rotaia
Sinter = Accalappiacani
Sisola = giuggiola
Slambriciar = rovinare un tessuto smagliandolo o allargandolo
Slongar = allungare
Slonz = bevanda molto allungata
Sluc, sluk, slunk = sorso
Smacar = gettare con violenza contro il pavimento o la parete
Smafaro, smafero = persona (spregiativo)
Smagnà = corroso
Smagnar = corrodere
Smir = grasso lubrificante – dal tedesco “Schmiere”
Sopa, far sopa = pane intinto, intingere il pane
Sopressar = stirare
Sorzo = topo
Spacher/Sparghert = cucina economica che usava il legno come combustibile
Spanzarse = spanciarsi dalle risate
Sparagnar, sparagnin = risparmiare, risparmiatore piuttosto avaro
Sparaso, spariso = asparago
Spelà = pelato, senza buccia o calvo
Spicar = steccare, lardellare
Spighete = lacci delle scarpe
Spina = rubinetto oppure spinotto elettrico
Spiturazada = donna con eccesso di trucco
Splociar, splociado = sporcare di liquido melmoso, inzuppato
Sponzer = pungere
Spudacia = saliva, sputacchia
Squaiar = sciogliere, stemperare
Stagnaco = secchio
Stifel = bicchiere grande a forma di stivale per bere la birra
Stifelpuzer = Lustrascarpe
Stomigar = dar di stomaco, fare schifo
Strafanic, strafanicio = persona sciatta oppure oggetto inutile
Stramazer = Materassaio
Stramazo = materasso
Stramuson = ceffone
Strasinar = trascinare
Straza = straccio
Strento = stretto
Strenzer = stringere
Strica = linea disegnata, anche metro per misurare
Stricar, spavar = dormire
Strofal = pesona volgarotta
Stropacui = un tipo di bacca rossa
Stropar = riempire bloccando
Stropolo = tappo (anche bimbo molto piccolo e coccoloso)
Strucar = strizzare, schiacciare, pressare
Strucliza = aggeggio per strizzare
Strucolo = strudel, dolce con le mele (strucolo de pomi)
Studar = spegnere
Sturlo = stupido
Sugar = far asciugare
Suso = sù
Svacar (andar in vaca) = rammollirsi, perdere le buone maniere

T
Tacheta = modo elegante di fare, seguendo l’etichetta (in tacheta)
Tacomaco, tacamaco = adesivo, etichetta adesiva
Tamisar = setacciare
Tamiso = setaccio
Tartaiar, tartaion = balbettare, balbuziente
Tavaiol = tovagliolo
Tazadora = tagliere di legno
Tazar = tritare, tagliuzzare
Tecia = tegame
Tiraca = bretella oppure persona avara
Tocio = sugo, intingolo
Tola = tavola
Torsigo = torsolo
Torzolon, torziolon = essere sempre a spasso, girovago
Tovaia = tovaglia
Tresso, per tresso = traverso, di traverso
Troso = sentiero di campagna
Tululu = povero scemo (goffo che viene smascherato)

U
Ua = uva
Ugnolo = uno e solitario
Ulmo = pieno fino all’orlo, colmo
Ulo = esclamazione di stupore, come ‘guardalo!’

V
Vanesa = aiuola o pezzo di terra lavorata
Vara, Vardar = guarda, guardar
Vedel. vedelon = vitello, vitellone
Venderigola = Venditrice di frutta e verdura
Verigola = serpentina, a forma di spirale
Verzer, verto = aprire, aperto
Viena = salsiccia viennese

Z
Zalon = catarro
Zata = zampa
Zauca = colpo inferto ad una persona, in genere manata o pugno
Zavata = ciabatta
Zenero = genero
Zenere = cenere
Zenocio, zenocion = ginocchio, in ginocchio
Zercar = assaggiare
Zibiba = uvapassa
Zicoria = cicoria
Zima = con Z aspra: cima – con Z dolce: temperatura molto rigida
Zo, zoso = giù
Zoncar = tagliare di netto, tranciare
Zontar = aggiungere
Zucar = tirare
Zueta = civetta
Zumbar = aspirare, assorbire

Hai bisogno di una guida turistica personale per visitare Trieste? Scrivici: info@informatrieste.eu

Almanacco News

You may also like...